Alva Campbell, condannato a morte. Non gli trovano la vena: esecuzione sospesa

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 novembre 2017 23:19 | Ultimo aggiornamento: 15 novembre 2017 23:19
Alva-Campbell-vena-iniezione-letale

Alva Campbell, condannato a morte. Non gli trovano la vena: esecuzione sospesa

CLEVELAND – Non c’è stato verso di trovare la vena in cui iniettargli il cocktail letale. Così Alva Campbell è scampato alla sua condanna a morte. Per il momento. E’ la terza volta che un episodio del genere accade nella storia degli Stati Uniti. Le autorità dell’Ohio, dove il condannato è recluso, hanno comunque deciso che ci riproveranno in una data ancora da fissare.

Alva Campbell, 69 anni, è finito nel braccio della morte per aver sparato ed ucciso a sangue freddo un diciottenne durante il furto di un’automobile. Era il 1997 e Campbell era in fuga dopo essere evaso dal carcere in cui aveva già passato 20 anni per un altro omicidio.

I responsabili del penitenziario erano stati avvisati delle condizioni di salute precarie del detenuto, che soffre di un cancro ai polmoni, ma questi avevano ugualmente deciso di procedere con l’iniezione letale e portare a termine l’esecuzione.

Il tentativo straziante è durato circa 30 minuti, poi il boia si è dovuto arrendere. Il governatore del’Ohio, John Kasic, ex candidato alla Casa Bianca repubblicano, aveva respinto la domanda di clemenza, e ora sarà proprio lui a fissare una nuova data.