Ameba mangia cervello nella rete idrica: vietato usare l’acqua in Texas

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 Settembre 2020 16:16 | Ultimo aggiornamento: 27 Settembre 2020 16:16
Ameba mangia cervello nella rete idrica: vietato usare l'acqua in Texas, a Lake Jackson

Ameba mangia cervello nella rete idrica: vietato usare l’acqua in Texas (Foto d’archivio Ansa)

Una ameba mangia cervello nella rete idrica: allarme in una cittadina del Texas (e in tutto lo Stato).

I residenti di una cittadina del Texas, Lake Jackson, non possono usare l’acqua del rubinetto per una ameba mangia-cervello. L’ameba è stata trovata nella rete idrica pubblica della città. I test, riporta la Bbc, hanno confermato la presenza della Naegleria fowleri nel sistema.

I danni dell’ameba mangia cervello

L’ameba può causare un’infezione del cervello, quasi sempre fatale. Le infezioni di questo tipo sono tuttavia rare negli Stati Uniti, con 34 segnalate tra il 2009 e il 2018. I funzionari di Lake Jackson stanno ora disinfettando l’approvvigionamento idrico ma non sanno quanto tempo ci vorrà.

Vietato usare l’acqua (tranne che per lavare il bagno)

I residenti delle aree interessate sono tenuti a non usare l’acqua per nessun motivo tranne che per sciacquare i servizi igienici. In totale l’allarme riguarda 120 mila persone. L’avviso interessa anche anche gli stabilimenti Dow Chemical a Freeport  (4.200 dipendenti). Riguarda inoltre le prigioni statali di Clemens e Wayne Scott, che hanno 2.345 reclusi e 655 dipendenti. 

L’avviso rimarrà in vigore fino a quando il sistema idrico dell’autorità di Brazosport non sarà stato completamente lavato e i test su campioni d’acqua dimostreranno che è di nuovo sicura da usare.

Che cosa è Naegleria fowleri

Naegleria fowleri è un’ameba microscopica a vita libera, un organismo vivente unicellulare che si trova comunemente nell’acqua dolce calda e nel suolo, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Di solito infetta le persone quando l’acqua contaminata entra nel corpo attraverso il naso, da dove viaggia al cervello e può causare una malattia rara e debilitante chiamata meningoencefalite amebica primaria. L’infezione è solitamente fatale e si verifica in genere quando le persone nuotano o si immergono in luoghi caldi di acqua dolce come laghi e fiumi. (Fonti: Ansa, Agi e Bbc)