Arabia Saudita/ Confessioni sulla sua vita sessuale in tv: arrestato

Pubblicato il 23 Luglio 2009 14:28 | Ultimo aggiornamento: 23 Luglio 2009 14:54

Un saudita è stato arrestato per aver rivelato dettagli della sua vita sessuale in un programma televisivo.

La notizia è stata riportata dal quotidiano in lingua inglese Arab News. Mazen Abdul Jawad, 32 anni, dipendente della Saudi Airlines, è stato arrestato dopo la sua apparizione nel programma «Linea rossa» dell’emittente libanese Lbc che trasmette anche in Arabia Saudita.

Durante la trasmissione tv, Jawad ha raccontato di aver avuto il suo primo rapporto sessuale con una vicina di casa a quattordici anni ed ha anche descritto nei dettagli le sue avventure piccanti. Oltre cento persone hanno presentato una denuncia al tribunale di Gedda, sostenendo che Jawad ha violato la sharia, facendo sesso prima del matrimonio e pubblicizzando il suo comportamento peccaminoso.

Entrambi i reati prevedono come pena una serie di frustate e un periodo di detenzione a discrezione del tribunale, ma, perché la pena sia applicata, Jawad deve ammettere davanti alla corte di aver avuto rapporti sessuali prima del matrimonio. Il saudita, invece, sostiene che i produttori hanno estrapolato le sue dichiarazioni dal contesto e ha annunciato che presenterà una querela nei confronti dell’emittente libanese.

«Linea rossa» è noto per affrontare argomenti controversi e scabrosi: in una delle puntate si è parlato anche di omosessualità. «Il programma è immorale e inaccettabile e deve essere punti in base alla sharia», ha commentato Ahmad Qasim Al-Ghamdi, a capo della Commissione per la promozione della virtù e della prevenzione del vizio.