Arabia Saudita, vestivano da emo, arrestate dieci ragazze

Pubblicato il 22 maggio 2010 19:30 | Ultimo aggiornamento: 22 maggio 2010 19:42

La polizia religiosa saudita ha arrestato dieci ragazze vestite e truccate seguendo la moda degli ‘emo’, (una tendenza giovanile erede del punk e del glam anni ’80), perche’ sospettate di avere provocato disordini in un bar. Ne dà notizia il quotidiano Al-Yaum. In base a quanto si è appreso, il proprietario del café, sito nella città di Dammam, ha avvertito la Commissione per la promozione della virtù e la prevenzione del vizio quando, apparentemente, le ragazze hanno iniziato ad importunare gli altri clienti.

La polizia ha quindi arrestato le ragazze prima di avvertire i genitori facendo firmare loro un documento in cui si impegnano per il futuro a non reiterare tale comportamento non-islamico e di non vestirsi più in questa maniera. Il termine ‘emo’ si riferisce anche ad uno stile caratterizzato da jeans e magliette attillati, un trucco marcato e capelli con qualche ciocca colorata.

Secondo la stampa, sempre più giovani sauditi hanno adottato la moda degli ‘emo’, stile popolare nel resto del mondo. Le donne saudite sono obbligate a comparire in pubblico vestite con l’abayà, mantello tradizionale nero che le copre interamente, e il velo nero, ma in certi ambienti come i centri commerciali o i café, alcune di loro scoprono il velo per mostrare abiti più occidentali.