Argentina, uccide la ragazza e brucia il suo corpo su una griglia. Aveva paura che fosse incinta

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Marzo 2020 12:57 | Ultimo aggiornamento: 5 Marzo 2020 12:57
Argentina, Ansa

Argentina, uccide la ragazza e brucia il suo corpo su una griglia. Aveva paura che fosse incinta (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Naim Vera, 19enne argentino, ha ucciso la fidanzata, la 24enne Brenda Micaela Gordillo, perché temeva che fosse incinta. 

Tutto è avvenuto in Argentina, nella provincia di Catamarca. A raccontare la storia è il quotidiano argentino Clarin.

Il 19enne ha già confessato l’omicidio. Ha confessato, il 19enne, e ha ammesso di aver ucciso la fidanzata perché temeva che fosse incinta.

Un omicidio horror.

Il 18enne, infatti, dopo aver ucciso la fidanzata ha scaricato il suo corpo, bruciato e smembrato, in un cassonetto e sul ciglio di una strada. 

Lì poi sono stati ritrovati.

Non è ancora chiaro se la ragazza sia morta dopo essere spinta giù per le scale, se sia stata asfissiata con un panno in bocca o se sia stata soltanto bruciata viva. Questo si capirà meglio nelle prossime ore. Il corpo comunque, in un modo o nell’altro, è stato bruciato. Bruciato su una griglia.

Non è neanche chiaro se il ragazzo abbia smembrato il corpo della ragazza o se il corpo si sia smembrato a causa del fuoco. 

Un’ultima cosa: la ragazza, dicono i medici, non era incinta.

Fonte: Clarin, Il Messaggero.