Quando un adolescente provò a uccidere la Regina Elisabetta II in Nuova Zelanda

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 marzo 2018 12:40 | Ultimo aggiornamento: 1 marzo 2018 12:40
La Regina Elisabetta II (foto Ansa)

La Regina Elisabetta II (foto Ansa)

LONDRA – Per la prima volta le carte dei servizi segreti neozelandesi confermano il tentato omicidio della Regina Elisabetta II durante una visita a Dunedin, in Nuova Zelanda.

Christopher Lewis, che all’epoca era ancora minorenne, aprì il fuoco su Elisabetta II quando lei smontò dalla sua automobile, diretta a una fiera scientifica. Era il 14 ottobre del 1981 ed era impegnata nel suo tour delle nazioni del Commonwealth.

“Lewis voleva uccidere la Regina – dicono le carte – ma non era ben posizionato per sparare, e non aveva un fucile abbastanza potente per quella distanza dall’obiettivo”. A dirlo è un memo che fu scritto nel 1997, ma soltanto in febbraio è stato declassificato, prima di essere spedito alla Reuters.

“Le indagini di polizia sono state condotte con descrizione – si legge in un altro memo, di novembre 1981 – Molti giornalisti probabilmente hanno avuto l’impressione che il rumore sia stato provocato da un qualche tipo di fuoco d’artificio”.