Assalto alla flottiglia dei pacifisti, sciopero generale degli arabi israeliani

Pubblicato il 1 Giugno 2010 9:09 | Ultimo aggiornamento: 1 Giugno 2010 9:09

Gli arabi israeliani, 1,3 milioni di persone, protestano per il bagno di sangue perpetrato da Israele contro la nave degli attivisti per Gaza. Hanno così indetto una giornata di sciopero generale per manifestare il loro dissenso contro l’assalto alla nave turca Marmara.

La polizia israeliana è in stato di allerta e ha predisposto severe misure di sicurezza nelle località prevalentemente arabe. Il ministro per la sicurezza interna Yitzhak Aharonivic (del partito di destra radicale Israel Beitenu) ha precisato che contatti sono in corso con la leadership politica della popolazione araba per evitare scontri.

Lunedì nella località di Um el-Fahem (60 chilometri a nord di Tel Aviv) si sono verificati estesi tumulti in seguito al diffondersi di una voce – rivelatasi poi infondata – che sulla nave Marmara aveva trovato la morta il leader del Movimento islamico in Israele, sceicco Raed Sallah. In serata lo sceicco Sallah è sceso, incolume, dalla Marmara, ed’ è attualmente agli arresti in una prigione israeliana perché sospettato di aver partecipato ad un attacco contro i membri del commando israeliano sbarcato sulla Marmara.