Cronaca Mondo

Attaccato da uno squalo, si beve una birra prima di andare in ospedale

Attaccato da uno squalo, si beve una birra prima di andare in ospedale

Attaccato da uno squalo, si beve una birra prima di andare in ospedale

COLAC BAY, NUOVA ZELANDA – Uno squalo lo attacca, lui prima di farsi curare si beve una birra. Un giovane medico e pescatore subacqueo in Nuova Zelanda è sopravvissuto all’attacco di uno squalo scacciandolo a coltellate, suturando le proprie ferite tornato in spiaggia, e concedendosi una birra nel vicino pub con gli amici prima di recarsi in ospedale.

James Grant di 24 anni stava pescando con la fiocina con amici sabato scorso presso Colac Bay, a sud dell’Isola Meridionale, quando è stato attaccato da quello che crede sia stato uno squalo manzo nasolargo, una specie che cresce fino a tre metri. Gran si trovava in circa due metri di acqua torbida quando ha sentito un dolore alla gamba credendo dapprima che fosse un suo amico a fargli uno scherzo.

“Mi sono girato per vedere cosa fosse e mi è preso un colpo”, ha detto a Radio New Zealand. Non ha visto lo squalo e non ha idea di quanto fosse grande, ma calcola che avesse una mascella di 20 centimetri. Gli amici non si sono accorti di niente ed hanno continuato a pescare mentre il giovane raggiungeva la spiaggia dove è riuscito a suturare alla meglio le ferite con il kit di pronto soccorso che aveva con sé. “E’ una fortuna che avessi una muta così spessa, e sono fortunato ad avere ancora tutte e due le gambe”, ha aggiunto.

Quando gli amici si sono finalmente accorti dell’accaduto si sono sentito in dovere di offrirgli una birra al pub di Colac Bay, dove gli hanno fornito anche delle fasce per non farlo sanguinare sul tappeto, prima di accompagnarlo in ospedale. E l’esperienza non l’ha spaventato. “Quando mi tolgono i punti torno in acqua”, ha assicurato.

To Top