Siria. Attentato dei ribelli a Damasco: morti il cognato ed il ministro di Assad

Pubblicato il 18 luglio 2012 13:10 | Ultimo aggiornamento: 18 luglio 2012 14:25
Siria: nuova esplosione in centro Damasco

(LaPresse)

DAMASCO – Attacco bomba nella città siriana di Damasco. Il ministro della Difesa Dawoud Rajiha è stato ucciso. Sarebbero stati uccisi anche il viceministro della Difesa e cognato del presidente Bashar al-Assad, Assef Shawkat, ed il ministro dell’Interno Mohammad Ibrahim al-Shaar, secondo la tv di Hezbollah. Per la tv di stato il ministro dell’Interno sarebbe gravemente ferito, ma in condizioni stabili. Altri tra ministri e funzionari sono rimasti feriti.

L’attentato kamikaze dei ribelli è avvenuto in Piazza Rauda il mattino del 18 luglio alle ore 7,30 locali, le 5,30 in Italia. La bomba è esplosa all’arrivo di ministri e funzionari per una riunione. I feriti sono stati trasportati all’ospedale di Shami.

La tv di Stato siriana ha raccontato: “Una bomba messa dai terroristi è esplosa all’interno di un edificio di sicurezza a Damasco dov’era in corso una riunione tra alcuni ministri e responsabili della sicurezza, uccidendo il ministro della Difesa e ferendo diverse persone, alcune delle quali sono in condizioni critiche”.