Attentato maratona Boston: fratelli perdono una gamba ciascuno, madre disperata

Pubblicato il 16 Aprile 2013 10:53 | Ultimo aggiornamento: 16 Aprile 2013 10:53
Attentato Boston, fratelli alla maratona perdono una gamba ciascuno

Attentato Boston, fratelli alla maratona perdono una gamba ciascuno (Liz Norden – Foto Boston Globe staff)

BOSTON – I fratelli Norden erano al traguardo della maratona di Boston il 15 aprile. Lì all’arrivo attendevano il loro amico ed erano lì per tifare per lui. Poi l’esplosione, entrambi hanno perso una gamba per le gravi ustioni e ferite riportate. I due fratelli Norden, 31 e 33 anni, erano vicini al bimbo di 8 morto nell’esplosione. L’amico al traguardo è salvo, le lacrime della madre in ospedale rappresentano la telefonata che nessun genitore vorrebbe mai ricevere.

Il Boston Globe racconta le lacrime di Liz Norden, la  madre dei due ragazzi che hanno perso la gamba dal ginocchio in giù. La prima telefonata e del suo figlio di 31 anni: “Ma’, mi sono fatto davvero male”. Il ragazzo è in ambulanza, lo trasportano al Beth Israel Deaconess Medical Center. Il secondo figlio invece è stato ricoverato al Brigham and Women’s Hospital.

Liz è in ospedale, ma non può vedere i suoi figli. Sono sopravvissuti all’attentato, ma hanno perso ognuno una gamba. Ma sono vivi. Il dolore di una madre è grande: “Non avrei mai immaginato una disgrazia del genere neanche nel più orribile dei miei sogni”. Purtroppo l’attentato alla maratona di Boston non è un sogno, ma la triste e drammatica realtà.