Attentato New York 11 settembre, Iran condannato a risarcire le famiglie: “Sostenne al Qaeda”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 maggio 2018 5:30 | Ultimo aggiornamento: 2 maggio 2018 22:39
Iran condannato risarcire famiglie vittime attentato 11 settembre New York

Attentato New York 11 settembre, Iran condannato a risarcire le famiglie: “Finanziò al Qaeda”

NEW YORK – A New York, il giudice federale George B. Daniels ha stabilito che l’Iran, la Banca Centrale iraniana e i Guardiani della rivoluzione islamica, sono responsabili della morte di più di mille persone in seguito all’attacco terroristico dell’11 settembre 2001 e dovranno risarcire le famiglie delle vittime per un totale di 6 miliardi di dollari.

Un avvocato che rappresenta le famiglie, Robert Haefele, ha riferito che il tribunale ha scoperto che l’Iran ha fornito un sostegno materiale ad al-Qaeda. “Le prove presentate hanno dimostrato che la fornitura di materiale da parte dell’Iran a sostegno di al-Qaeda sono state la causa degli attacchi dell’11 settembre, dei danni, degli infortuni e delle morti”, ha detto ad ABC News.

App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui

Ladyblitz – Apps on Google Play

Il giudice ha stabilito come risarcimento, 8,5 milioni di dollari per i genitori e i bambini, 12,5 milioni per i coniugi e 4,25 milioni per i fratelli. L’Iran non ha commentato la sentenza anche se in passato aveva bollato accuse di questo tipo come inesistenti. Le famiglie delle vittime dell’11 settembre hanno annunciato dei piani per compiere i passi successivi nel più vasto processo contro l’Arabia Saudita, scrive il Daily Mail.

Nel 2003, i familiari e i sopravvissuti all’attacco terroristico hanno citato in giudizio il governo saudita e affermato che i dipendenti hanno aiutato consapevolmente i dirottatori che hanno effettuato gli attacchi e alimentato lo sviluppo di al-Qaida ma il governo saudita ha negato ogni coinvolgimento negli attacchi.

Brett Eagleson, il cui padre è stato ucciso nelle Torri Gemelle, nel corso di una recente conferenza stampa ha riferito che i querelanti hanno intenzione di costringere la CIA, l’FBI e altri a consegnare informazioni che potrebbero far luce sulla potenziale complicità saudita. “I miei figli vogliono sapere la verità su quanto è accaduto al nonno”.