Batterie al litio piccole come un bottone: “Attenti, i bambini possono ingoiarle”

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 gennaio 2017 7:00 | Ultimo aggiornamento: 6 gennaio 2017 1:00
Batterie a litio piccole come un bottone:. "Attenti, i bambini possono ingoiarle"

Batterie a litio piccole come un bottone:. “Attenti, i bambini possono ingoiarle”

WASHINGTON – Pur rappresentando un’opzione più sicura rispetto alle candele di cera tradizionali, secondo alcuni esperti della salute di Washington, quelle artificiali nascondono all’interno un pericolo: le piccole batterie al litio, grandi come un bottone e piatte.

Il National Capital Poison Center (centro antiveleni), ha avvertito che rappresentano un rischio significativo per i bambini, poiché possono essere  ingerite facilmente. Una recente ricerca rivela che negli ultimi due anni, gli episodi rappresentano il 14% dei casi; una cifra che si basa sulle statistiche della 24-hours National Battery Ingestion Hotline che gestisce un centro di emergenza.
Il 62% dei casi di ingestione delle batterie, riguarda bambini di età inferiore ai 5 anni, con un picco di incidenza tra 1 e 2 anni.
Le batterie, seppure di piccole dimensioni, sono potenzialmente pericolose in caso d’ingestione, a causa del rilascio di sostanze tossiche, possono causare gravi ustioni a carico dell’esofago, successive all’apertura della pila stessa.  Il National Capital Poison Center, afferma che quando il personale ha acquistato candele senza fiamma per testare i prodotti, sono entrati in allarme.
Un prodotto, in particolare, si è distinto come più pericolosi di altri, e il centro ha chiamato per l’azione da parte di funzionari federali e il produttore. “Nel pacchetto c’erano 24 batterie a bottone sciolte, 12 tea light a batteria e un telecomando. Le pile erano senza protezione, l’imballaggio non era a prova di bambino”, ha dichiarato Toby Litovitz, direttore medico del Centro, in un comunicato stampa.
Ma le candele a batteria non sono le uniche colpevoli. Quasi la metà (49%) delle pile sono destinate agli apparecchi acustici, il 12% ai giochi e giocattoli.  Altre fonti, ad esempio, includono gli orologi, calcolatrici, macchina fotografica, il segnale acustico o luminoso del portachiavi, dispositivi di controllo a distanza, termometri, biglietti d’auguri musicali, penne, telecomandi, bilance e zerbini.
Come fare per ridurre i rischi? Bisogna assicurarsi che i vani delle batterie siano chiusi, eventualmente mettendo del nastro adesivo, o ancora meglio se apribili sono con utensili specifici, ad esempio un cacciavite.  Togliere sempre le batterie e metterle al sicuro, fuori dalla portata dei bambini.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other