Beverly Hills / Katherine Varjian, di 65 anni, rischia il carcere e una multa salata per aver accudito i gatti randagi del suo quartiere. Tutto in nome di una legge che non esiste più

Pubblicato il 7 Luglio 2009 1:14 | Ultimo aggiornamento: 7 Luglio 2009 8:54

Katherine Varjian ha 65 anni e da 12 accudisce e dà da mangiare ai tantissimi gatti randagi che si aggiravano negli isolati vicino casa sua, nella bella e ricca Beverly Hills. I vicini dicono che sarà arrivata ad accudire circa 120 gatti. Oggi il tribunale penale cittadino potrebbe condannarla a sei mesi di carcere e a mille dollari di multa. Perché? Per aver violato una norma che, in realtà, è stata cancellata tempo fa per sbaglio dall’ordinamento cittadino.

La storia è questa. Anni fa Beverly Hills ha deciso di adottare le regole della città di Los Angeles per quanto riguarda la cura degli animali e i servizi di controllo. Nell’approvare queste norme e nel trascriverle nel proprio ordinamento cittadino, però, il comune di Beverly Hills ha per sbaglio cancellato un comma che vietava esplicitamente di dare da mangiare a gatti randagi o ad altre specie di animali allo stato brado, per evitare che il cibo potesse attirare in città coyote o altri predatori e che gli animali potessero portare delle malattie a Beverly Hills.

Oggi la signora Varjian è stata citata in giudizio ben due volte, a gennaio e a febbraio, proprio alla luce di questa norma che, in realtà, sulla carta non esiste più. Oltre alla legge ci si sono messi anche i vicini di casa che hanno raccolto già 40 firme per una petizione con cui chiedono a Katherine di smettere di dar da mangiare ai gatti.