Cronaca Mondo

Bistecca, patate al cartoccio… l’ultimo pasto dei condannati a morte Usa in un book di foto

Bistecca, patate al cartoccio... l'ultimo pasto dei condannati a morte 2016 in un book di foto

Bistecca, patate al cartoccio… l’ultimo pasto dei condannati a morte 2016 in un book di foto

NEW YORK – Nel loro ultimo giorno di vita, ai condannati a morte americani è concesso un ultimo desiderio, scegliere il loro pasto preferito. Henry Graves, un fotografo alimentare americano, cerca di attirare l’attenzione sul numero di prigionieri giustiziati nel 2016, mettendo in evidenza un dettaglio sorprendentemente umano della loro vita: l’ultimo pasto di 20 condannati a morte nel corso di quest’anno, tutti uccisi con iniezione letale. [Per vedere le foto clicca qui]

Le foto che fanno parte di un book fotografico “A year of killing”, sono il seguito di “Henry’s 2011 series No Second” in cui ricreò gli ultimi pasti ordinati dai criminali famosi come Ted Bundy, serial killer statunitense autore di almeno 30 omicidi ai danni di giovani donne tra il ’74 e ’78.

In “A Year of killing”, c’è l’ordinazione di Oscar Ray Bollin Jr., 53 anni, morto il 1 luglio 2016: bistecca di manzo al sangue, patata al cartoccio con burro e panna acida, insalata icerberg, cetrioli e pomodori, pane all’aglio, torta meringata al limone e una bottiglia di Coca Cola. Più sobria, la scelta di Richard Masterson, 43 anni, condannato per aver strangolato Darin Shane Honeycutt, che ha mangiato pollo arrosto, patate al forno con salsa, carote, fagioli, pane a fette, con una scelta tra acqua, tè o punch, oppure quella di Christopher Brooks, 43 anni, che ha voluto soltanto 2 coppette di burro di arachidi e una Dr. Pepper.; l’uomo, condannato alla pena di morte per aver ucciso un guardiacaccia è stato ucciso in Texas il 27 gennaio 2016.

Bistecca al pepe con salsa per arrosto, riso bianco al vapore, insalata mista, fagioli, fette di pane, torta al cioccolato glassata e una scelta tra acqua, tè o punch (si pensa abbia bevuto il punch) è l’ultimo pasto di James Freeman, 35 anni, ucciso in Texas il 27 gennaio 2016 per l’omicidio di guardiacaccia mentre praticava caccia di frodo.

Brandon Jones, 72 anni, accusato di aver ucciso Roger Tackett e giustiziato il 3 febbraio 2016, ha invece rifiutato l’opzione di scegliere il suo pasto finale, così gli è stato servito il menu standard della prigione: pollo e riso, rape bianche, cime di rapa, fagioli bianchi, focaccia di mais, budino di pane, succo di frutta.

Anche l’omicida Travis Hittson, 45 anni, morto il 17 febbraio 2016, ha rifiutato di scegliere l’ultimo pasto e ne ha consumato uno standard: polpettone con salsa d’arrosto, purè di patate, piselli e carote, fagioli rossi, pane di mais, budino di pane, aranciata.

Coy Westbrook, 58 anni, condannato per aver ucciso l’ex moglie e altre tre persone dopo averli sorpresi mentre facevano sesso: pollo al forno, purè di patate, salsa, fagioli, pane, torta al mandarino e arancia con una scelta tra acqua, tè o punch.

Taco di manzo, salsa, riso, insalata mista, mais, fagioli fritti, tortillas con una scelta tra tè, punch o acqua, è l’ultimo pasto di Adam Ward, 33 anni, condannato per aver sparato a morte a un agente, è stato giustiziato in Texas il 22 marzo 2016.

Joshua Bishop, 41 anni, nel ’94 uccise Leverrett Morrison ed è stato giustiziato in Georgia il 31 marzo 2016; ha chiesto un Barbecue sandwich, bistecca Brunswick, patatine fritte, insalata di cavolo, limonata e un lollipop viola.

Il “Vampiro killer” Pablo Vasques, 38 anni, che tagliò la gola a un adolescente di 12 anni e ne bevve il sangue, è stato ucciso in Texas il 6 aprile 2016. Come ultimo pasto ha voluto bistecca Salisbury, riso al vapore, salsa d’arrosto, un mix di ortaggi, piselli, fagioli, pane, butterscotch brownies, con una scelta tra acqua, tè o punch.

Bistecca T-bone, patata al cartoccio con burro, riso integrale e succo di frutta, la scelta di Kenneth Fults, 47 anni, giustiziato in Georgia il 12 aprile 2016, condannato per omicidio e furto con scasso.

Daniel Lucas, 37 anni, condannato per l’omicidio di un uomo di 37 anni insieme ai due figli di 11 e 15 anni, ucciso in Georgia il 27 aprile 2016, come ultimo desiderio ha optato per la pizza, bistecca, calzone al formaggio, funghi, insalata chef con salsa ranch, mostarda al miele e succo d’arancia.

Earl Forrest, 66 anni, condannato per l’omicidio di due spacciatori e un vice sceriffo, morto in Georgia l’11 maggio 2016, prima di ricevere l’iniezione letale, ha chiesto una bistecca, un piatto di frutta, pasta, pomodori a fette, cetrioli, torta al cioccolato e un bicchiere di latte.

Dieci pezzetti fritti di pesce gatto, dieci di pasta fritta, due tripli hamburgers de luxe con bacon, gelato alla vaniglia e cipolla cruda a fette per John Conner, 60 anni, condannato per l’omicidio di un amico nel 1982 e giustiziato in Georgia il 15 luglio 2016.

Barney Ronald Fuller Jr., 53 anni, che uccise una coppia e il loro figlio di 14 anni, è stato ucciso in Texas il 5 ottobre 2016. Ha ordinato una bistecca Salisbury, purè di patate, fagiolini, pane, pere e una scelta tra acqua, tè o punch.

Per Gregory Paul Lawler, 63 anni, giustiziato in Texas il 19 ottobre 2016: ossobuco, patate al cartoccio con panna acida, asparagi, panini con burro, zuppa di cipolle, fragole, gelato al pistacchio, latte e succo di mela.

Steven Fredrerick Spears, 53 anni, ucciso in Texas il 16 novembre 2016, ha ordinato semplicemente una pizza gigante guarnita con carne di vario tipo; e pizza anche per William Cary Sallie, ma media con salsa e peperoni, ali di pollo con salsa Buffalo e una soda grande; l’uomo, 50 anni, è stato giustiziato il 6 dicembre 2016.

Infine, l’ultimo giustiziato di quest’anno, l’8 dicembre, è Ronald Bert Smith Jr., 53 anni, che come ultimo pasto ha chiesto pollo fritto e patatine fritte.

To Top