Blogger cinese rischia 5 anni di carcere per aver documentato inizio epidemia a Wuhan

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Novembre 2020 18:54 | Ultimo aggiornamento: 16 Novembre 2020 18:54
blogger cinese carcere epidemia wuhan

Blogger cinese rischia 5 anni di carcere per aver documentato inizio epidemia a Wuhan (foto ANSA)

Arrestata a maggio per le notizie diffuse sull’epidemia da Wuhan, rischia fino a cinque anni di carcere la cinese Zhang Zhan.

Blogger aveva documentato l’inizio dell’epidemia di Covid a Wuhan ed ora rischia fino a 5 anni di carcere. L’accusa è di diffusione di false informazioni.

Zhang Zhan, ex avvocato di 37 anni, è detenuta da maggio a Shanghai, e deve rispondere anche del reato di aver creato disordini. Un reato spesso usato contro attivisti e dissidenti in Cina.

La 37enne ha inviato “false informazioni attraverso testi, video e altri media attraverso gli internet media come WeChat, Twitter e YouTube”, secondo l’accusa. Come riporta il Guardian, la blogger ha accettato interviste da media stranieri che “hanno speculato malignamente sull’epidemia di Covid a Wuhan”.

Secondo l’Ong Chinese Human Rights Defenders (Chrd), il lavoro di Zhang documentava le detenzioni di altri giornalisti e le molestie alle famiglie delle vittime del Covid che cercavano risposte dalle autorità.

Chi è Zhang Zhan, blogger e attivista che rischia il carcere

Non è la prima volta che Zhang si trova in stato di detenzione per attività ritenute ali limite con la dissidenza. Lo scorso anno era stata detenuta per oltre due mesi e costretta a sottoporsi a perizia psichiatrica per il proprio sostegno agli attivisti pro-democrazia di Hong Kong, secondo quanto riferisce Chrd.

Oltre a Zhang, anche altri giornalisti attivisti che hanno documentato lo scoppio dell’epidemia a Wuhan sono oggi in stato di detenzione: Chen Qiushi, ex avvocato, è scomparso dal gennaio scorso, mentre Fang Bin, residente a Wuhan, è scomparsa da febbraio scorso. Li Zehua, giunto nella città dopo la scomparsa di Chen Qiushi, è stato rilasciato ad aprile dopo circa due mesi di detenzione. (fonte AGI