Brasile, assolta la coppia italiana arrestata a Natale con 300 chili cocaina

Pubblicato il 14 luglio 2012 9:22 | Ultimo aggiornamento: 14 luglio 2012 10:05

CocainaRAVENNA, 14 LUG – Sono stati assolti e sono già liberi i due fidanzati romagnoli arrestati in Brasile alla vigilia del Natale scorso con 307 chili di cocaina. Per Davide Migani, 42 anni, di Cervia (Ravenna), chef e skipper, e Giorgia Pierguidi, 37 anni, parrucchiera residente a Forlì  ma originaria di Alzano Lombardo (Bergamo), la decisione del giudice federale Ronivon De Aragao, come riferito da alcuni quotidiani locali, è arrivata il 13 luglio.

I due, accusati di associazione per delinquere finalizzata al narcotraffico e difesi dall’avvocato Emanuel Cacho, rischiavano parecchi anni di carcere. Lo yacht sul quale stavano viaggiando aveva naufragato all’alba del 24 dicembre sulle coste di Aracajù, nello Stato brasiliano del Sergipe. La droga, suddivisa in 280 tavolette per un valore stimato dall’accusa in poco meno di 12 milioni di euro, era stata trovata dai soccorritori. Migani aveva poi sostenuto di avere naufragato volontariamente su una secca segnata sulle carte nautiche dopo avere trovato all’improvviso lo stupefacente nascosto a bordo presumibilmente da una terza persona, indicata quale proprietaria dell’imbarcazione. Attraverso quella manovra -aveva precisato il 42enne – il suo intento era quello di avvisare un magistrato dell’accaduto. Per questo aveva lanciato sos e razzi luminosi. E per questo non si era allontanato dalla spiaggia all’arrivo della polizia.

Versione non credibile secondo il Pm Nestor Mello, che aveva invece chiesto la condanna di entrambi gli italiani, i quali si trovavano rinchiusi in carcere ormai da sei mesi e mezzo.