Brasile, contagiata da virus Hiv da strumenti per manicure non disinfettati

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 novembre 2014 20:02 | Ultimo aggiornamento: 15 novembre 2014 20:02
Brasile, contagiata da virus Hiv da strumenti per manicure non disinfettati

Brasile, contagiata da virus Hiv da strumenti per manicure non disinfettati

SAN PAOLO – Una ragazza di 22 anni ha contratto il virus dell’Hiv dopo aver utilizzato strumenti per la manicure non sterilizzati. E’ accaduto in Brasile e a descrivere il caso sono i ricercatori dell’Università di San Paolo, che hanno pubblicato il caso medico sulla rivista Aids Research and Human Retroviruses. La ragazza, che non aveva mai avuto rapporti, era stata infettata 10 anni prima la comparsa dei sintomi dell’Aids.

Al momento della diagnosi che indicava una positività all’Hiv, con un’infezione che risultava già in stadio avanzato, i medici hanno iniziato a indagare su come la donna potesse aver contratto il virus, visto che non aveva avuto ancora rapporti sessuali, che se non protetti possono diventare uno dei veicoli principali di trasmissione.

Dopo delle ricerche sono arrivati alla conclusione che la ragazza aveva contratto il virus 10 anni prima, quando condivideva con una cugina, risultata poi positiva all’Hiv, gli strumenti per la manicure senza prima disinfettarli. Le analisi dei virus delle due donne hanno poi confermato che tra i due microrganismi c’era un patrimonio genetico condiviso, indirizzando quindi i ricercatori sempre più verso l’ipotesi che il veicolo di trasmissione fossero proprio gli strumenti per la manicure.

Gli studiosi tuttavia tranquillizzano, ricordando che il virus dell’Hiv non si trasmette per contatto casuale , come ad esempio quando si condividono le posate o si beve dallo stesso bicchiere, e che altre forme di contagio, come quella dovuta agli strumenti della manicure, sono piuttosto rare ma bisogna essere consapevoli che gli utensili che possono portare a uno scambio di sangue, come gli aghi utilizzati per i tatuaggi, i piercing e l’agopuntura, possono essere veicolo di trasmissione di virus dell’epatite c e dell’Hiv. .