Brasile/ Divorziare via internet, ma solo se non ci sono figli minorenni. Proposta del parlamento di Rio per risparmiare tempo e denaro

Pubblicato il 23 agosto 2009 9:07 | Ultimo aggiornamento: 23 agosto 2009 9:07

Se dopo l’amore ci si odia, ora si può anche evitare di vedersi per il divorzio. O almeno si potrà usare internet per sciogliere il matrimonio, se al parlamento brasiliano passerà il progetto di legge che agevola le coppie senza figli o incapaci di averne. Potranno dire basta alle occhiatacce in tribunale.

Secondo il progetto presentato dalla parlamentare Patricia Saboya, e in questi giorni in discussione al Senato, l’iniziativa per separazioni e divorzi consensuali via web conta sul sostegno del ministero della giustizia e del governo del presidente Luis Lula da Silva, che da tempo stanno promuovendo l’uso di internet in una serie di pratiche e procedimenti.

L’idea del progetto è che marito e moglie che intendono divorziare di comune accordo possano mandare on-line tutte le carte relative alla pratica, evitando così lo stress di recarsi per l’udienza in tribunale e di fare dichiarazioni davanti al giudice. L’approvazione della normativa, aggiungono gli esperti brasiliani, permetterebbe d’altra parte di risparmiare sia alle coppie che vogliono divorziare “con un clic dal computer” sia allo Stato.