Brasile, uccide e strappa il cuore a una trans. Poi ride coi giornalisti: “L’ho fatto perché era un demonio”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Gennaio 2019 12:07 | Ultimo aggiornamento: 29 Gennaio 2019 12:07
Brasile, uccide trans e le strappa il cuore: Lei era il demonio

Brasile, uccide e strappa il cuore a una trans. Poi ride coi giornalisti: “L’ho fatto perché era un demonio”

RIO DE JANEIRO – Ha avuto un rapporto intimo con al proprietaria di un bar transessuale, poi l’ha uccisa, le ha strappato il cuore e se lo è portato a casa. Caio Santos de Oliveira, 20 anni, è stato arrestato e ha confessato il delitto consumato a Jardim Maris, in Brasile. Ai giornalisti all’uscita dalla stazione di polizia ha detto ridendo: “L’ho fatto perché era un demonio”.

La vittima della furia omicida di Oliveira è Genilson José da Silva, 35enne transgender. Il killer ha raccontato alla polizia dopo l’arresto di aver utilizzato un pezzo di vetro per aprire il torace della vittima e strapparle il cuore. “Era un demone, le ho strappato il cuore, è così: l’ho fatto”, ha dichiarato alla folla di giornalisti che l’ha avvicinato mentre era in arresto. La polizia che indaga sul caso ha ritrovato il cuore della vittima nella casa dell’assassino, oltre che denaro e altri oggetti personali che de Oliveira le aveva rubato.