Bugarach, cos’è? Perché si ‘salva’ il 21 dicembre 2012? Tutte le leggende (video)

Pubblicato il 12 Dicembre 2012 10:21 | Ultimo aggiornamento: 12 Dicembre 2012 10:21
Bugarach, cos'è? Perché si 'salva' il 21 dicembre 2012? Le leggende (video)

Bugarach, cos’è? Perché si ‘salva’ il 21 dicembre 2012? Le leggende (video)

ROMA – Bugarach, cos’è? Il 21 dicembre 2012, per molti, si avvererà la profezia Maya (forse a loro insaputa) e a salvarsi, secondo altri, sarà solo la zona circostante Bugarach, un piccolo villaggio francese disperso nei Pirenei. Perché Bugarach? Non c’è un perché (come quasi sempre in questi casi), ma ci sono tante profezie e tante ipotesi.

Prima ipotesi. Il picco che sovrasta Bugarach secondo alcuni abitanti – e qualche scienziato – avrebbe un magnetismo anomalo tanto che, secondo le leggende, gli aerei non riuscirebbero a sorvolare la zona. Tesi smentita però più volte dall’aviazione francese.

Leggi anche: Bugarach, il paesino che eviterà la fine del mondo. Guarda le foto

Seconda ipotesi.  Molti ufologi credono che all’interno della montagna ci sia una base di alieni, o l’Arca dell’Allenza. In molti invece sono pronti a giurare che sul picco di Bugarach si trovi la tomba di Gesù Cristo.

Terza ipotesi (Codice Da Vinci style). All’interno della montagna si troverebbe, a seconda delle ipotesi  il tesoro dei templari, la sepoltura di Maria Maddalena, la terza dimensione, una città catara o Atlantide.

Quarta ipotesi. La profezia di Guillaume Bélibaste, un cataro arso vivo nel 1311 nella vicina Villerouge, che scrisse: “Fra 700 anni questo lauro rifiorirà”. Un po’ in ritardo ma i calcoli, secondo gli esperti televisivi di Apocalisse e Maya, potrebbero far pensare, non si sa bene con quali prove, a una fine del mondo prossima.

Le ipotesi vengono tutte ricollegate, per trascendenza o per flusso di coscienza, alla fine del mondo, ai Maya, all’Apocalisse, alla religione e agli alieni.

La superstizione apocalittica si è così diffusa nel pianeta che le autorità locali sono state costrette a chiudere il picco di Bugarach per evitare folle e scene ‘mistiche’.

”Ci aspettiamo l’arrivo di mistici, che credono nella fine del mondo, di curiosi ma anche di tanti giornalisti”, ha commentato il prefetto di Carcassonne, Eric Freysselinard.

Tra i mistici il Telegraph riporta la testimonianza di Ludovic Broquet, idraulico francese e fervente credente dell’apocalisse Maya arrivato a Bugarach giusto in tempo per la fine del mondo, fine prevista per il 21 dicembre 2012.

“Sto preparando questo viaggio da un anno, sono qui per scoprire il vortice che forse si aprirà il 21 dicembre 2012, il giorno della fine del mondo”.