Hamad Abousamra, l’americano dietro propaganda Isis, caccia Fbi

Pubblicato il 5 settembre 2014 11:42 | Ultimo aggiornamento: 5 settembre 2014 11:42
Ahmad Abousamra

Ahmad Abousamra

USA, WASHINGTON -Tra i dieci terroristi islamici a cui di più gli Usa danno la caccia in tutto il mondo c’è un americano: è un esperto di computer e informatica, che ha messo le sue conoscenze al servizio dell’Isis per diffondere attraverso il web e i social media la propaganda dello Stato Islamico. E l’Fbi lo ha iscritto nella lista dei “Most Wanted Terrorists”, con tanto di taglia sulla testa, seppure ‘solo’ da 50 mila dollari.

Si chiama Ahmad Abousamra, ha la doppia nazionalità Usa e siriana, ma è nato in Francia, nel 1981. E’ cresciuto a Boston, dove si è laureato e dove suo padre lavorava come endocrinologo al Massachusetts General Hospital. Nel 2004 ha poi intrapreso la militanza attiva, partendo per il Medio Oriente con lo scopo, secondo le accuse, di combattere in Iraq e uccidere americani.

Nel 2009 è stato infine incriminato per cospirazione, dopo che ha compiuto “diversi viaggi in Pakistan e Yemen e ha presumibilmente tentato di ottenere addestramento militare con lo scopo di uccidere soldati americani all’estero”, secondo quanta afferma l’Fbi. A quanto sembra, Abousamra si è unito nel 2009 ad al Qaeda in Iraq, lavorando nel “settore media” del ramo iracheno dell’internazionale del terrore che poi si è evoluto diventando lo Stato Islamico in Iraq e nel Levante (Isis).

E nel settore della comunicazione sarebbe ora al lavoro anche per l’Isis, da Aleppo, dove si ritiene che viva assieme ad una moglie e una figlia. Dopo la repentina avanzata dell’Isis, si è riaccesa su di lui l’attenzione dei media, anche se in realtà l’Fbi gli dà la caccia da anni. “Le ricerche per Abousamra in tutto il mondo continuano e continueranno fino a che non verrà catturato”, ha sottolineato un agente speciale dell’Fbi parlando con la Abc News.