Cacciatore spara a un cervo e si avvicina pensando sia morto, l’animale si rialza e lo uccide

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Ottobre 2019 15:29 | Ultimo aggiornamento: 25 Ottobre 2019 15:34
Cacciatore spara a un cervo e si avvicina pensando sia morto, l'animale si rialza e lo uccide

Cacciatore spara a un cervo e si avvicina pensando sia morto, l’animale si rialza e lo uccide (Foto archivio Ansa)

WASHINGTON – Un cacciatore ha sparato a un cervo durante una battuta di caccia e poi, convinto di averlo ucciso, si è avvicinato all’animale per recuperarlo. Il cervo però, a sorpresa, si è rialzato e lo ha caricato con le sue corna, uccidendolo. È quanto successo negli Stati Uniti, in un bosco vicino a Yellville, in Arkansas, come riferisce il Washington Post. La vittima è il 66enne Thomas Alexander che nonostante le ferite è riuscito a chiamare la famiglia e dare l’allarme prima di morire. Quando i soccorritori lo hanno individuato era ancora vivo ma è morto prima che venisse portato in ospedale.

Keith Stephens, dell’Arkansas Game and Fish Commission spiega: “Dopo aver colpito un cervo, il cacciatore dovrebbe lasciarlo sul terreno per almeno 30 minuti per essere sicuri che sia morto prima di avvicinarsi. Non so per quanto tempo Alexander abbia lasciato sul terreno il cervo dopo averlo colpito, ma di certo è andato sul posto per assicurarsi che fosse morto. Ed evidentemente era ancora vivo e furioso. L’animale si deve essere rialzato e lo deve aver colpito più volte: Alexander aveva diverse segni delle incornate sul suo corpo”. Il cervo è stato poi trovato morto poco più lontano. (Fonte Washington Post).