California, chi è il killer del Golden State? La Corte Suprema decide di prendere il DNA di un sospettato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 maggio 2018 7:08 | Ultimo aggiornamento: 4 maggio 2018 19:11
California, chi è il killer del Golden State? La Corte Suprema decide di prendere il DNA di un sospettato

California, chi è il killer del Golden State? La Corte Suprema decide di prendere il DNA di un sospettato

LOS ANGELES – In California, un giudice della Corte Suprema ha stabilito che nel caso del “killer del Golden State” i PM possono raccogliere DNA, impronte digitali e scattare fotografie di tutto il corpo del sospettato Joseph DeAngelo, l’ex poliziotto 72enne accusato di essere autore di 12 omicidi, 45 stupri e 120 rapine.

Gli avvocati di DeAngelo, aveva chiesto al tribunale di interrompere la perquisizione sostenendo che il mandato non era più valido poiché concesso prima del suo arresto.
Il giudice della Corte Suprema Michael Sweet si è schierato con il procuratore distrettuale e ha affermato che le corti hanno ripetutamente permesso la raccolta prove non essendo una forma di testimonianza e non danneggerebbe il diritto di DeAngelo contro l’autoincriminazione, scrive il Daily Mail.

App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui

Ladyblitz – Apps on Google Play

“Non ci sono le basi per fermare l’esecuzione del mandato di perquisizione”, ha affermato.
DeAngelo, presente in tribunale con la tuta arancione da detenuto e ammanettato a una sedia a rotelle, è rimasto in silenzio.
Lo sceriffo di Sacramento John McGinness, sceriffo di Sacramento, ha sostenuto che la richiesta delle fotografie potrebbe essere correlata a indizi emessi dalle forze dell’ordine, risalenti agli anni ’70 e ’80, quando le autorità cercavano un sospetto stupratore della zona est.
All’epoca resero nota l’ipotesi che fosse scarsamente dotato, ha dichiarato McGinness.
DeAngelo è stato arrestato la scorsa settimana e identificato dai PM come il responsabile di almeno una dozzina di omicidi e più di 50 stupri in California tra il 1976 e il 1986.
Per identificare DeAngelo, i PM hanno detto di aver utilizzato il DNA e un sito web genealogico, decenni dopo che era ormai diventato un cold case.
Non è noto quando raccoglieranno le nuove prove, il procuratore distrettuale della Contea di Sacramento, Thienvu Ho, ha rifiutato di rispondere alle domande sul perché i PM avessero bisogno del DNA, delle impronte digitali e delle fotografie del corpo nudo di DeAngelo, compresi i genitali.
I mandati di perquisizione e arresto per DeAngelo, che contengono argomenti legali e dettagli del caso che giustificherebbero il motivo per cui gli investigatori vogliono raccogliere nuove prove, non sono pubblici.
L’Associated Press e altre organizzazioni di stampa hanno presentato una mozione per renderli pubblici, poiché potrebbero fornire ulteriori dettagli sulle tecniche di DNA utilizzate dai magistrati per identificare DeAngelo.