Canada, la dogana usa test del Dna per identificare migranti ed espellerli

di redazione Blitz
Pubblicato il 5 agosto 2018 6:03 | Ultimo aggiornamento: 3 agosto 2018 20:30
Canada, la dogana usa test del Dna per identificare migranti ed espellerli

Canada, la dogana usa test del Dna per identificare migranti ed espellerli

TORONTO – Il Canada Border Services Agency, l’agenzia federale canadese deputata ai controlli doganali e delle frontiere e alle politiche migratorie, ha confermato che gli agenti dell’immigrazione stanno utilizzando i siti di test del Dna e genealogici per determinare le nazionalità dei migranti detenuti al fine di espellerli. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play].

La conferma della Cbsa è arrivata in seguito alle dichiarazioni di due avvocati esperti dell’immigrazione secondo cui i loro clienti erano  stati soggetti a più test del Dna su FamilyTreeDNA.com (che afferma tuttavia di non avere alcun legame con le azioni del governo canadese).

La Cbsa ha affermato che i siti vengono utilizzati solo quando, per dimostrare la nazionalità dei migranti, sono state vagliate tutte le altre opzioni. L’agenzia ha aggiunto di testare i migranti solo previo consenso. Tuttavia, i due migranti che si sono fatti avanti affermano che “non potevano rifiutare” poiché minacciati di “non essere cooperativi”.

Questo metodo, che segue l’annuncio del primo ministro canadese Justin Trudeau di accelerare il processo di detenzione dei migranti, solleva molte preoccupazioni sulla privacy e sull’eventuale riservatezza nell’utilizzo di questo tipo di servizi online. In questa strategia c’è anche un grande, evidente difetto: il Dna e l’ascendenza non sempre corrispondono alla nazionalità di una persona.