Canada: indignata muore in accampamento

Pubblicato il 6 Novembre 2011 18:29 | Ultimo aggiornamento: 6 Novembre 2011 19:15

NEW YORK – Una giovane donna e morta nell' accampamento degli indignati di Vancouver, e' stato reso noto dalle autorita' locali, e ora il sindaco della citta' intende mettere fine alla protesta.

Secondo quanto e' stato riferito da fonti sanitarie, la donna, di 20 anni, di cui non e' stata resa pubblica l'identita', e' stata ritrovata priva di coscienza in una tenda sulla piazza del Museo di Belle Arti nel centro della citta'.

La sua morte e' stata poi accertata in ospedale, dove pero' non ne e' stata rivelata la causa; mentre la stampa locale cita fonti tra gli indignati secondo cui la ragazza sarebbe morta per una overdose di droga.

Gia' nei giorni scorsi un ragazzo e' stato ritrovato privo di coscienza in una tenda a causa di una overdose di droga.

La vicenda ha indotto i vigili del fuoco, che hanno avuto difficolta' a raggiungere il ragazzo per soccorrerlo, ad ingiungere ai manifestanti di disporre le tende in modo da garantire il passaggio degli addetti in caso di emergenza.

Ora, il sindaco Gregor Robertson va oltre, affermando che il campo deve essere smantellato. ''Si tratta di un problema serio, e vogliamo affrontarlo con urgenza'', ha detto oggi.