Caso Huawei, Casa Bianca: “Legato alla sicurezza nazionale, negoziati con la Cina salvi”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Dicembre 2018 17:17 | Ultimo aggiornamento: 7 Dicembre 2018 17:17
Huawei, Casa Bianca rassicura mercati: riguarda sicurezza nazionale

Caso Hauwei, Casa Bianca: “Legato alla sicurezza nazionale, negoziati con la Cina salvi” (Foto archivio Ansa)

WASHINGTON – Il caso Huawei è semplicemente un caso legato alla sicurezza nazionale e non dovrebbe interessare i negoziati con la Cina sul commercio: lo ha detto il consigliere economico della Casa Bianca Larry Kudlow che si è detto ottimista sui colloqui con Pechino. 

Kudlow ha ribadito di aver avvertito più volte Huawei delle irregolarità: “Abbiamo avvertito più volte Huawei sul fatto che c’erano delle violazioni alle sanzioni con l’Iran”. Il consigliere economico ha inoltre spiegato che questo caso non ha nulla a che vedere con i negoziati sul commercio: “Sono due cose separate e distinte”, ha sottolineato, nel tentativo di inviare ai messaggi un messaggio rassicurante dopo il giovedì nero delle Borse.

Da Bruxelles però è stato espresso timore per la sicurezza. Andrus Ansip, vicepresidente della Commissione Ue, ha spiegato: “In realtà non sappiamo molto sul caso Huawei, ma come persone normali dobbiamo essere preoccupati. Dobbiamo essere preoccupati perché la Cina ha fissato nuove regole in base a cui le loro imprese devono cooperare con la loro intelligence e io sono sempre stato contrario a backdoor obbligatorie. Non è un buon segno quando le imprese devono aprire i loro sistemi ai servizi segreti”.

Una dichiarazione a cui Huawei ha replicato definendosi “sorpresa e delusa dai commenti” del vicepresidente della Commissione Ue: “Respingiamo categoricamente ogni accusa di poter costituire una minaccia alla sicurezza. Siamo aperti al dialogo con Ansip per chiarire queste incomprensioni e siamo parte della soluzione, non il problema in quanto nessun governo ci ha mai chiesto di costruire backdoor o interrompere le reti, la cybersicurezza è sempre stata la nostra priorità”.