Cronaca Mondo

Cesare Battisti: “Non temo l’estradizione, sono protetto dall’asilo politico”

cesare-battisti-estradizione

Cesare Battisti (Foto Ansa)

BRASILIA – “Non temo l‘estradizione in Italia, sono protetto dall’asilo”: è quanto avrebbe detto ai media brasiliani Cesare Battisti, l’ex terrorista dei Proletari armati per il comunismo condannato all’ergastolo in via definitiva per quattro omicidi commessi durante gli anni di piombo, che mercoledì 4 ottobre è stato fermato dalla polizia brasiliana mentre tentava di fuggire in Bolivia.

Proprio alla polizia federale Battisti avrebbe detto di non temere di essere estradato in Italia perché si sente “protetto” da un decreto dell’ex presidente brasiliano, Luiz Inacio Lula da Silva, che, nel 2010, gli ha concesso un “visto permanente” nel Paese sudamericano e lo status di rifugiato politico.

Di ben altro parere il ministro della giustizia, Andrea Orlando: “L’Italia è fortemente determinata a far sì che Battisti sconti la pena, e la sconti nel nostro Paese. E’ questo un modo per restituire, almeno in parte, quanto è stato tolto al nostro paese e ai familiari delle vittime”, ha detto, sottolineando che l’estradizione “è possibile”.

Orlando ha spiegato che “sono stati fatti tutti i passaggi necessari” presso le autorità politiche e giurisdizionali, ma dopo l’ultimo arresto dell’ex militante dei Pac ne verranno fatti altri. Il ministro ha ricordato come la richiesta di estradizione sia “ferma da tempo” presso le autorità brasiliane.

“Oggi ho parlato con l’ambasciatore Bernardini per riportare Battisti in Italia e assicurarlo alla giustizia. Continuiamo lavoro avviato con autorità brasiliane”, sottolinea a sua volta su Twitter il ministro degli Esteri, Angelino Alfano.

L’ex terrorista è stato arrestato nella città di Corumbà, alla frontiera tra Brasile e Bolivia, mercoledì 4 ottobre. Secondo la versione online del quotidiano O Globo, le autorità brasiliane sarebbero convinte che l’ex membro dei Pac stesse cercando di fuggire in Bolivia. L’italiano sarebbe stato fermato dalla polizia stradale federale durante un normale blitz.

 

To Top