Chiamare “Messia” il proprio figlio è legale. Almeno negli Usa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 gennaio 2014 15:43 | Ultimo aggiornamento: 8 gennaio 2014 15:44
Chiamare "Messia" il proprio figlio è legale. Almeno negli Usa

Il giudice Lu Ann Ballew

NEWPORT – Si può dare al proprio figlio il nome di Messia. Almeno in Tennessee, Stati Uniti. E se qualcuno prova a vietarlo è in torto, anche se si tratta di un tribunale. Il caso, riferisce Wbir.com, è finito in commissione legale dopo che un giudice della Contea di Cocke, Lu Ann Ballew, aveva ordinato ai genitori di Messiah Deshawn Martin di cambiare il nome al loro bambino. Il giudice ha dovuto rispondere della propria decisione di fronte alla commissione di superiori, ma si è difesa sostenendo di aver agito nella convinzione di seguire la legge.

Il giudice ha sostenuto di aver emanato la sentenza in base al fatto che, secondo quanto sa lei, il nome di Messia è un appellativo che può essere riferito solo a Gesù Cristo. Ballew ha anche detto di averlo fatto per il bene del bambino, che, soprattutto se fosse cresciuto in una comunità con una vasta componente cristiana, avrebbe rischiato l’emarginazione.

La commissione inquirente, però, ritiene che la decisione della Ballew sia stata parziale e ha accusato il giudice di aver agito in modo da minare la fiducia dei cittadini nel potere giudiziario.