Cina. “Il figlio di Bo Xilai tentò di avvelenare la matrigna”, scrive il Nyt

Pubblicato il 7 ottobre 2012 10:25 | Ultimo aggiornamento: 7 ottobre 2012 10:27

ROMA – Nuovi dettagli infittiscono il giallo della vicenda di Bo Xilai, il potente leader cinese caduto in disgrazia. Gu Kailai, la moglie condannata all’ergastolo per l’omicidio di un consulente britannico, avrebbe subito ripetuti tentativi di avvelenamento da parte del primo figlio di Bo Xilai, Brendan Li, avuto dal primo matrimonio.

Secondo quanto ha raccontato al New York Times la prima moglie di Bo, Li Danyu, l’ex marito ha iniziato a sospettare dell’avvelenamento pochi mesi prima della sua caduta in disgrazia. E avendo in mano le prove dei tentativi di omicidio, chiese a suo cognato se davvero vi fosse un simile complotto da parte di suo figlio.

Il cognato, zio del ragazzo in quanto fratello di Li, smentì tale eventualità. Li Danyu si è detta convinta che fu la stessa Gu Kailai ad accusare suo figlio di averla voluta ammazzare, in quanto ”estremamente paranoica”.