“La Cina ha nascosto il virus”. Il rapporto Usa: la prova è che intanto accumulava scorte mediche

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Maggio 2020 13:39 | Ultimo aggiornamento: 4 Maggio 2020 13:39
"La Cina ha nascosto il virus". Il rapporto Usa: la prova è che intanto accumulava scorte mediche

Donald Trump e il presidente della Cina Xi Jinping (Ansa)

ROMA – La Cina ha tenuto nascosta la gravità del coronavirus e quanto fosse contagioso per accumulare le scorte di forniture e apparecchiature mediche necessarie.

E’ la convinzione della autorità americane secondo un documento del Dipartimento della Sicurezza Nazionale datato 1 maggio e riportato dall’Associated Press sul proprio sito.

La Cina ha tagliato le sue esportazioni di forniture mediche “prima di notificare all’Oms che il Covid-19 era contagioso”, sostiene il rapporto di cui anche la Cnn ha rivelato qualche stralcio e che ieri notte il presidente Trump ha dichiarato che sarà diffuso a breve.

Secondo una fonte dell’amministrazione vicino al dossier, la Cina “ha pubblicamente sempre negato di aver imposto un bando sull’esportazione di mascherine e altre forniture mediche”.

I leader cinesi hanno “deliberatamente nascosto la gravità” del coronavirus al resto del mondo agli inizi di gennaio, si legge.

Mentre minimizzava il virus, la Cina aumentava le importazioni e riduceva le esportazioni di forniture mediche.

Nel documento la Cina è accusata anche di non aver informato l’Organizzazione Mondiale della Sanità sul fatto che il virus fosse “contagioso” per gran parte del mese di gennaio.

Del resto il rapporto del Dipartimento di Stato riflette l’orientamento dell’amministrazione.

“Penso che i cinesi” abbiano fatto un errore, “hanno cercato di nasconderlo ma non ci sono riusciti”, ha dichiarato ieri il presidente americano Donald Trump.

Precisando che la Cina ha consentito che il coronavirus si diffondesse “nel nostro Paese e in altri paesi. Xi Jinping è un brava persona ma non sarebbe mai dovuto accadere”. (fonte Ansa)