Cina. Peggiorano le condizioni delle femministe arrestate per Festa della Donna

Pubblicato il 25 Marzo 2015 11:22 | Ultimo aggiornamento: 25 Marzo 2015 11:22
Femministe in Cina

Femministe in Cina

CINA, PECHINO – Due delle cinque femministe in prigione dall’inizio di marzo sono in gravi condizioni di salute, secondo uno dei loro avvocati. Le femministe sono state arrestate alla vigilia della Giornata Internazionale della Donna, l’8 marzo, e sono accusate di voler “turbare l’ordine pubblico” con la loro propaganda contro la discriminazione su base sessuale.

L’avvocato Zhao ha affermato che una delle donne, Wang Man, soffre a causa di un difetto congenito al cuore. “In prigione le sue condizioni sono peggiorate – ha affermato – e ora ha bisogno di essere ricoverata in ospedale”. Un’altra delle attiviste detenute, Wu Rongrong, “ha una grave malattia al fegato e in prigione le vengono negate le necessarie medicine”, ha aggiunto l’avvocato.

Martedi l’Unione Europea ha chiesto in un comunicato “l’immediata liberazione” delle femministe. “Il recente arresto e la detenzione di attiviste per i diritti delle donne in Cina con la motivazione che volevano lanciare una campagna contro le discriminazioni nella Giornata Internazionale della Donna viola il diritto a manifestare pacificamente le proprie convinzioni”, afferma tra l’altro la Ue.