Cina, rogo in un palazzo nel centro di Shanghai: 42 morti e molti feriti

Pubblicato il 15 Novembre 2010 15:00 | Ultimo aggiornamento: 15 Novembre 2010 17:37

Sono almeno 42 le vittime dell’incendio scoppiato in un palazzo in rifacimento nel centro di Shanghai. L’edificio, di 28 piani, fa parte di un complesso di tre edifici, Teachers Apartments nel quartiere di Jing’an, che ospita per la maggior parte insegnanti, molti dei quali in pensione.

Erano circa le 14,30 ora locale del 14 novembre quando un incendio è scoppiato intorno al decimo piano, per cause ancora da accertare. Nel palazzo vivono 156 persone. In quel momento nell’edificio c’erano pochi residenti e c’erano alcuni operai impegnati nei lavori di ristrutturazione dell’edificio.

Il palazzo è da giorni completamente circondato da impalcature, sia di legno che di ferro, che sono servite ad alcuni residenti per mettersi in salvo. Alcuni residenti si sono lanciati dalle finestre. Altre persone e diversi operai si sono invece riparati sul tetto del palazzo, da dove sono stati portati in salvo da tre elicotteri dei vigili del fuoco.

Dopo tre ore di lavoro, 25 brigate dei vigili del fuoco e 61 autobotti sono riuscite a spegnere l’incendio fino al ventesimo piano. Le autorità di Shanghai hanno riferito che dei 90 feriti iniziali, la maggior parte è stata trattata per aver inalato troppo fumo, ma nessuno dei 50 ancora in ospedale, sarebbe in pericolo di vita.

5 x 1000

Almeno 100, tra residenti e operai, sono stati tratti in salvo sia grazie agli elicotteri, mezzo importante in dotazione ai soccorritori in una città che conta oltre 15.000 grattacieli, che alle scale innalzate dai vigili del fuoco. Al momento non si conoscono le cause dell’incendio, ma alcuni testimoni hanno riferito alla televisione che a scatenare l’incendio sarebbero stati alcuni materiali da costruzione che hanno preso fuoco e lo hanno trasmesso all’intera struttura, provocando un enorme fumo nero visibile da diverse parti della città.

La polizia ha evacuato i palazzi intorno e chiuso l’intera zona, per permettere alle ambulanze e ai mezzi di soccorsi di raggiungere più facilmente il luogo dell’incendio. Il condominio ospita almeno 500 famiglie. Il forte caldo sprigionato dall’incendio, ha fatto scoppiare alcuni vetri dei palazzi limitrofi, interrotto l’energia elettrica e bloccato le connessioni internet.

[gmap]