Cina costruisce una terza portaerei: sarà lunga più di 300 metri

di Caterina Galloni
Pubblicato il 18 Settembre 2020 7:10 | Ultimo aggiornamento: 18 Settembre 2020 8:23
Cina, foto Ansa dell'esercito cinese

Cina costruisce una terza portaerei: sarà lunga più di 300 metri (foto Ansa)

La Cina sta costruendo una terza portaerei nel cantiere navale di Jiangnan alla periferia di Shanghai.

Cina, nuova portaerei. Nel Mar Cinese Meridionale, il gigante lungo più di 300 metri, rappresenta una minaccia alla supremazia della US Navy.

Le immagini, circolate on line, e pubblicate dal Daily Mail, mostrano la colossale nave. Sarà la prima portaerei gestita dalla PLA Navy.

Washington, che ha 11 portaerei in servizio attivo, monitorerà da vicino i progressi della costruzione del vettore “Type 003”, portaerei, nel cantiere navale di Jiangnan.

Le immagini ad alta risoluzione ottenute dal Center for Strategic and International Studies (CSIS), un think tank con sede a Washington, rivelano per la prima volta sette enormi sezioni della nave disposte da prua a poppa.

I blocchi dello scafo, esclusi gli spazi tra di loro, si estendono fino a circa 296 mt mentre la larghezza massima è di 39 metri circa a livello dell’acqua.

La USS John F. Kennedy, l’ultima portaerei della US Navy varata nel 2019, ha una lunghezza di circa 335 mt e una larghezza di 40 mt circa a livello dell’acqua.

Le prime due portaerei cinesi, di classe Type 001, sono relativamente piccole e possono ospitare solo fino a 25 aeromobili lanciati da rampe costruite sui ponti.

Il primo vettore, il Liaoning, era una nave ucraina di epoca sovietica acquistata di seconda mano nel 1998 e rimontata in Cina.

Un secondo vettore basato su quel progetto è stato costruito da ingegneri cinesi e lanciato nel 2017. È codificato “Type 001A” e non ha ancora un nome.

Addetti militari stranieri e analisti della sicurezza sostengono che le navi “Type 001” dovrebbero essere utilizzate essenzialmente come piattaforme di addestramento per quella che pensano sarà una flotta di un massimo di sei vettori operativi entro il 2030.

Aggiungono che la costruzione e il dispiegamento di portaerei è considerato eccezionalmente difficile da gestire. Proteggere un bersaglio di superficie così ampio e decisivo con navi di scorta, sottomarini e aerei è una parte fondamentale del problema.

Di conseguenza, la lunghezza complessiva della nave dovrebbe aumentare di circa 18 mt. Il tabloid di Stato, The Global Times, citando un esperto militare anonimo ha riferito che la costruzione della nave da guerra sembra “procedere senza intoppi”.

La fonte ha inoltre aggiunto che la portaerei attuale è più grande delle precedenti e “probabilmente presenterà molte nuove tecnologie, inclusa la catapulta elettromagnetica”. Un dettaglio quest’ultimo che sarà di particolare interesse per Washington.

Gli USA hanno sviluppato la tecnologia solo per le due portaerei più recenti, la nuova classe Gerald R. Ford. Il vantaggio principale è fornire un’accelerazione più fluida agli aeromobili affinché consenta di mettere meno a dura prova i telai durante il decollo e dunque un lancio di una più ampia varietà di aerei, dai caccia ai droni senza pilota. Matthew Funaiole, un ricercatore del progetto CSIS ChinaPower, ha dichiarato al Washington Post:”Stanno costruendo a ritmo serrato.

È impressionante il processo di realizzazione per posizionarsi in prima linea nella tecnologia dei vettori”. Ha aggiunto che “i cinesi stanno dimostrando una straordinaria capacità di progettare e allestire delle navi”. (Fonte: Daily Mail).