Cina, vino di 2000 anni scoperto in una tomba

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 novembre 2018 6:34 | Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2018 18:40
Cina, vino di 2000 anni scoperto in una tomba

Cina, vino di 2000 anni scoperto in una tomba

ROMA – Anche i cinesi di 2.000 anni fa apprezzavano e bevevano il vino, è quanto sostengono alcuni archeologi che hanno scoperto un vaso in bronzo, contenente 3,5 lt della bevanda, in un’antica tomba risalente alla Dinastia Han occidentale (206 a.C. al 220 d.C.). La tomba, che si pensa appartenga a un ricco funzionario locale, forse il magistrato del distretto, è situata nell’antica capitale di Luoyang, Cina centrale.

Gli archeologi dell’Istituto dei cimeli e dell’archeologia di Luoyang hanno riferito che il liquido è ambrato e ha mantenuto l’odore di alcol, scrive il Daily Mail. “Pensiamo che fosse vino. Il vaso è un tipico contenitore di alcol dell’epoca” ha detto Pan Fusheng, vice ricercatore dell’Istituto. “Sappiamo che alle persone piaceva bere alcolici. In precedenza nelle tombe abbiamo trovato molte tazze e calici, probabilmente perché la Cina un tempo era prospera, le persone conducevano uno stile di vita confortevole”.

Dopo 2.000 anni l’alcol contenuto nella bevanda per la maggior parte è evaporato, motivo per cui il “vino” ha un colore così chiaro, secondo l’esperto, ed è sopravvissuto fino ad oggi perché il contenitore era ben sigillato. Pan e i colleghi hanno in programma di condurre ulteriori studi per determinare l’esatta natura del liquido. All’inizio dell’anno, nello Shaanxi, provincia nord-occintale della Cina, un altro team di archeologi cinesi ha scoperto 300 millilitri di liquido, probabilmente sempre vino, trovato all’interno della tomba di un cittadino comune che si pensa provenisse dalla dinastia Qin (221-207 a.C.). Gli esperti dell’Istituto di ricerca archeologica della provincia di Shaanxi ritengono che il lattiginoso liquido giallo fosse un tipo di bevanda alcolica fermentata.