Cina, sono più di 700 le vittime del maltempo nel 2010

Pubblicato il 23 luglio 2010 0:04 | Ultimo aggiornamento: 23 luglio 2010 0:04

Più di 100 milioni di persone colpite, 701 morti, decine di migliaia di case andate distrutte, e danni economici per 21 miliardi di dollari. Questo il bilancio delle alluvioni che quest’anno hanno colpito la Cina, e che sembra destinato a peggiorare con l’arrivo della stagione dei tifoni.

A diffondere l’allarme è Liu Ning, vice ministro delle risorse idriche e capo dell’autorità per il controllo delle alluvioni del Paese: ”Sono morte in tutto 701 persone nelle alluvioni di quest’anno e 347 persone sono scomparse. La stagione delle piogge durerà almeno fino ad agosto: per questo sono già stati predisposti serbatoi aggiuntivi e ulteriori progetti di controllo delle acque”.

Liu Ning ha fatto sapere che i metereologi si apettano che le precipitazioni possano colpire anche la Corea del Nord, causando inondazioni lungo i fiumi principali come l’Huai, il Fiume Giallo e il Songhua.

Tuttavia, il vice ministro rimane fiducioso e ritiene che non si ripeterà il disastro della storica alluvione del 1998 causata dalla piena del fiume Yangtze.