Usa: il mistero del ‘ladro volante”. Colton, 19 anni, incubo dei poliziotti, morto al largo delle Bahamas?

Pubblicato il 6 luglio 2010 12:26 | Ultimo aggiornamento: 6 luglio 2010 16:32

Coton Harris-Moore

Negli Stati Uniti il mistero del ”ladro volante” si infittisce. Un aereo Cessna rubato a Bloomington, Indiana, è stato trovato semidistrutto al largo delle Bahamas, e gli inquirenti sospettano che a bordo ci fosse Colton Harris-Moore. Di lui però, nessuna traccia.

Chi è? Harris-Moore non è un criminale incallito: ha 19 anni, quindi ancora un teenager, e una faccia da ragazzino, ma gli piace rubare e poi farla in barba alla polizia per cui è diventato una vera spina nel fianco.

Dopo aver trascorso l’inverno sull’isola Cyamano, Colton si è spostato verso Est, lasciando tracce in Oregon, Idaho, Wyoming, Illinois, Nebraska, Iowa, Sud Dakota. Una decina di giorni fa, la mamma – che ha sempre appoggiato le scorribande del figlio – gli ha fatto pervenire un consiglio: «Riguardati. Ma se puoi prendi un aereo e lascia il paese».

E forse è quello che ha fatto. Nel fine settimana, qualcuno si introdotto nello scalo della Contea di Monroe, vicino a Bloomington (Indiana), e si è impadronito del velivolo – un Cessna 400 – quello rinvenuto alle Bahamas. Un volo di 1200 miglia.  Nelle prossime ore, attraverso il controllo delle impronte rinvenute sul Cessna, sarà forse possibile svelare il mistero.

In attesa che vanga fatta luce – e che soprattuto si accerti se Harris-Moore si è dileguato nelle Bahamas o è stato divorato dagli squali che infestano quelle acque -su Internet si sonp formati due schieramenti: uno che lo incita a continuare a fare il bandito volante, e l’altro che sollecita la polizia a trovarlo e sbatterlo in prigione.

Il bottino di cui si è appropriato non è di poco conto. Da quando ha cominciato le sue gesta scappando da un riformatorio nel 2008 ha rubato roba per un totale di 1,5 milioni di dollari.

E’ accusato di aver svaligiato dozzine di case, compiuto furti con scasso, rubato automobili e aerei. Le sue gesta finora si sono limitate agli stati di Washington, Idaho, e, in Canada, nel British Columbia, ma pare che lo invoglino anche altri territori.

Questo inafferrabile teenager ha acceso la fantasia della gente cho lo guarda con una certa simpatia e gli ha anche dato un soprannome dopo che ha svaligiato alcune case apiedi scalzi: il ”Bandito Scalzo”.

Colton ha la passione del volo ma è autodidatta: infatti ha imparato a pilotare via Internet. Le sue incursioni criminali si sono trasformate in un fenomeno. Hanno composte ballate in suo onore, stampato magliette con il suo volto e creato una pagina Facebook con oltre 43 mila «amici» da tutto il mondo. Lo slogan dei suo fans è semplice: «Fly Colton Fly», (Vola, Colton, Vola).

Lui non ha bisogno di incoraggiamenti per impadronirsi dei velivoli. Di solito li ruba in piccoli aeroporti, quindi li abbandona con rischiosi atterraggi di fortuna. Padre assente, madre alcolista, Colton ha avuto i primi problemi con la legge a soli 12 anni. E da allora non si è più fermato beffando polizia e sceriffi.

Nei suoi colpi non c’è violenza. Si introduce nelle casa di vacanza e nei negozi, prende quello che trova. Abituato a vivere nei boschi, quando è braccato cerca rifugio nella natura. E una notte stavano per prenderlo: lui ha avuto solo il tempo di scappare. Senza scarpe.

Dopo aver trascorso l’inverno sull’isola Cyamano, Colton si è spostato verso Est, lasciando tracce in Oregon, Idaho, Wyoming, Illinois, Nebraska, Iowa, Sud Dakota. Una decina di giorni fa, la mamma – che ha sempre appoggiato le scorribande del figlio – gli ha fatto pervenire un consiglio: «Riguardati. Ma se puoi prendi un aereo e lascia il paese».

E forse è quello che ha fatto. Nel fine settimana, qualcuno si introdotto nello scalo della Contea di Monroe, vicino a Bloomington (Indiana), e si è impadronito del velivolo – un Cessna 400 – quello rinvenuto alle Bahamas. Un volo di 1200 miglia.  Nelle prossime ore, attraverso il controllo delle impronte rinvenute sul Cessna, sarà forse possibile svelare il mistero.

In attesa che vanga fatta luce – e che soprattuto si accerti se Harris-Moore si è dileguato nelle Bahamas o è stato divorato dagli squali che infestano quelle acque -su Internet si sonp formati due schieramenti: uno che lo incita a continuare a fare il bandito volante, e l’altro che sollecita la polizia a trovarlo e sbatterlo in prigione.