Como, arrestato magnate russo. E’ un oppositore di Putin

di redazione Blitz
Pubblicato il 21 maggio 2019 14:23 | Ultimo aggiornamento: 21 maggio 2019 14:23
Como, arrestato magnate russo. E' un oppositore di Putin

Como, arrestato magnate russo. E’ un oppositore di Putin

COMO – Un magnate russo, Andrey Smyshlyaev, è stato arrestato dalla polizia in provincia di Como, dove possiede una villa sul lago, in esecuzione ad un mandato di cattura internazionale spiccato dal governo russo. L’uomo, ricercato nel Paese d’origine, sarebbe un oppositore del presidente Vladimir Putin e la vicenda, riportata oggi dal Corriere della Sera, appare quindi particolarmente delicata.

L’imprenditore, milionario di 47 anni, da quando ha lasciato la Russia si occupa di affari tra Londra e l’Italia, e su di lui grava un ordine di cattura internazionale “per una sottrazione da 40 mila euro”. “E’ come smuovere l’Interpol per arrestare un italiano autore di uno scippo in vacanza all’estero”, ha detto il suo legale, l’avvocato Alexandro Maria Tirelli che si oppone a un’estradizione “che ha l’odore della persecuzione politica”.  

Secondo quanto riferisce il Corriere della Sera, la cattura di Smyshlyaev è dovuta alla violazione dell’articolo 196 del codice penale russo e al presunto ammanco di una cifra modesta (almeno se paragonata al suo impero), risalente al 2015 e relativa a delle obbligazioni non pagate. Sul caso dovrà pronunciarsi il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede. (Fonte: Il Corriere della Sera) 

5 x 1000