Corea del Nord, in 150mila costretti a lavorare all’estero per finanziare il programma nucleare

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 aprile 2018 6:11 | Ultimo aggiornamento: 20 aprile 2018 17:14
Corea del Nord, in 150mila costretti a lavorare all'estero per finanziare il programma nucleare (foto Ansa)

Corea del Nord, in 150mila costretti a lavorare all’estero per finanziare il programma nucleare (foto Ansa)

ROMA – Da un’inchiesta della BBC emerge la drammatica situazione di più dei 150.000 nordcoreani costretti a lavorare all’estero in condizioni spaventose, garantendo fondi per il programma nucleare di Kim Jong-un.
Secondo un’indagine condotta in Cina, Russia e Polonia da gruppi per i diritti umani e dai giornalisti, le persone lavorano in condizioni di “schiavitù”.

Un ex ambasciatore della Corea del Nord in Gran Bretagna, Thae Yong-ho, ha affermato che il denaro inviato dai lavoratori serve per finanziare il programma nucleare del leader nordcoreano.
Un operaio nordcoreano, che vive e lavora a Vladivostok, Russia, ha detto a un giornalista:”Qui sei trattato come un cane. Mangi male, non sei un essere umano”
Secondo un documentario della BBC, nei cantieri navali in Polonia lavorano almeno 800 nordcoreani come saldatori e operai.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Un caposquadra nordcoreano di una ditta polacca ha dichiarato:”Quando ci sono scadenze, lavoriamo senza interruzioni. Non come i locali che lavorano otto ore al giorno e poi tornano a casa. Non lo facciamo, lavoriamo finché è necessario”.
In una clip filmata di nascosto, le autorità del sito sembravano difendere l’accordo, insistendo:”Hanno un’idea di ciò che è il mondo e guadagnano qualche zloty o dollaro che probabilmente aiuta tutta la famiglia”.
Le aziende presenti nel documentario hanno negato qualsiasi illecito mentre Pyongyang insiste che i connazionali lavorino legalmente.
Thae Yong-ho, ha tuttavia sostenuto che il denaro inviato dai lavoratori nella Corea del Nord finanzia le ambizioni militari di Kim Jong-un e il lussuoso stile di vita della famiglia.
Di fronte alle sanzioni statunitensi e internazionali, la Corea del Nord per ottenere denaro, ha fatto affidamento sugli operai che lavorano all’estero, scrive il Daily Mail.

Sull’ammontare delle entrate le cifre variano: un report U.N. del 2015 ipotizza che  i nordcoreani che lavorano all’estero hanno spedito a Pyongyang tra 1,2 e 2,3 miliardi di dollari l’anno. Altre stime parlano di centinaia di milioni di dollari.
I mercati principali sono la Cina e la Russia, ma anche il Golfo ospita migliaia di persone.
Nonostante molti vivano in povertà, la Corea del Nord per le forze armate spende almeno un quinto del PIL annuo

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other