Corea del Nord, guerra al confine con il Sud: fa esplodere l’ufficio di collegamento VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 16 Giugno 2020 10:21 | Ultimo aggiornamento: 16 Giugno 2020 12:54
Corea del Nord fa esplodere l'ufficio di collegamento con Seul al confine

Corea del Nord fa esplodere l’ufficio di collegamento con Seul al confine (Foto Ansa)

PYONGYANG  –  Sale la tensione tra Corea del Nord e Corea del Sud. Pyongyang ha fatto saltare con un’esplosione l’ufficio di collegamento con Seul a Kaesong, nel territorio nordcoreano ma vicino al confine.

L’ufficio è andato completamente distrutto. La Corea del Nord ha anche tagliato tutte le linee di comunicazione con la Corea del Sud. 

La Corea del Sud ha espresso “rammarico” e minaccia di rispondere “con forza” se Pyongyang peggiorerà la situazione.

Lo ha comunicato la Casa Blu, l’ufficio del presidente sud-coreano Moon Jae-in, che ha convocato il Consiglio di Sicurezza Nazionale. L’obiettivo è discutere le contromisure alla mossa di Pyongyang.

La distruzione dell’ufficio di collegamento è “un atto che tradisce la speranza di tutto il popolo che vuole lo sviluppo delle relazioni inter-coreane e la pace durevole nella penisola coreana”. E’ quanto si legge nel comunicato diffuso dall’agenzia Yonhap.

“Mettiamo in guardia la Corea del Nord che se intraprenderà ulteriori azioni che aggravano la situazione, risponderemo con forza”.

La mossa di Pyongyang arriva al termine di una serie di avvertimenti lanciati da Pyongyang attraverso Kim Yo-jong, l’influente sorella del leader Kim Jong-un, per rispondere alla propaganda via volantini nella zona di confine tra i due Paesi.

Sabato sera l’annuncio: “Entro breve si assisterà ad una scena tragica riguardante l’inutile ufficio di collegamento Nord-Sud ormai al collasso”. E l’esplosione è in effetti arrivata. 

L’ufficio di collegamento era stato aperto nel settembre del 2018 per facilitare gli scambi e la cooperazione intercoreana.

Corea del Nord minaccia: “Pronto piano di azione contro Seul”

La Corea del Nord ha anche minacciato di fare entrare le proprie truppe nelle aree smilitarizzate in seguito agli accordi raggiunti con la Corea del Sud nel 2018 come risposta alla propaganda di Seul.

L’Esercito Popolare di Corea ha dichiarato che è allo studio un “piano d’azione” per “fare avanzare l’esercito di nuovo nelle zone demilitarizzate in base all’accordo Nord-Sud”.

Pyongyang ha anche minacciato di fare della prima linea una fortezza e di innalzare la vigilanza militare contro il Sud.

Il regime di Kom Jong-un starebbe anche valutando il lancio di volantini propagandistici al Sud.

Le relazioni tra le due Coree si sono deteriorate negli ultimi giorni, con la minaccia di Pyongyang di chiudere le comunicazioni tra i due Paesi divisi dal trentottesimo parallelo in seguito al lancio di volantini verso il Nord da parte di attivisti di Seul. (Fonti: Agi, AdnKronos, Kcna, YouTube)