Corea del Nord, Kim Jong-un ordina l’esecuzione della famiglia dello zio Jang

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 gennaio 2014 12:42 | Ultimo aggiornamento: 27 gennaio 2014 12:42
Corea del Nord, Kim Jong-un ordina l'esecuzione della famiglia dello zio Jang

Corea del Nord, Kim Jong-un ordina l’esecuzione della famiglia dello zio Jang (Foto LaPresse)

TOKYO – “Sterminate la famiglia di mio zio Jang Song-thaek”. Questo sarebbe l’ordine di Kim Jong-un, leader della Corea del nord. Secondo il Chosun Ilbo, il leader Kim avrebbe fatto uccidere i famigliari di Jang, ex tutore ed ex eminenza grigia già giustiziato lo scorso dicembre. Una fonte governativa avrebbe confermato l’esecuzione, mentre i servizi di intelligence si sono rifiutati di dare conferme.

La sorella di Jang, Jang Kye-sun e suo marito Jon Yong-jin (ambasciatore a Cuba), l’ambasciatore in Malesia Jang Yong-chol, che è nipote di Jang, insieme ai suoi figli poco più che ventenni, sono stati convocati a Pyongyang in dicembre e sarebbero poi stati giustiziati.

I figli, le figlie e anche i nipoti dei due fratelli maggiori di Jang (generali dell’esercito morti a seguito di malattie) sono stati eliminati allo scopo apparente di “cancellare” tre dirette generazioni riconducibili a Jang.

Difficile dare una tempistica chiara alla purga, ma se l’ex tutore di Kim Jong-un (che lo bollò come “feccia” nel discorso tenuto a Capodanno e rivolto alla Nazione) è stato fucilato il 12 dicembre, è verosimile che tutto si sia svolto subito dopo.

Jang, giustiziato tra l’altro per l’accusa di alto tradimento, era il terzo in una famiglia composta da tre figli e due figlie, con un numero considerevole di nipoti.

Un funzionario del governo sudcoreano, citato in forma anonima dal Chosun Ilbo, ha osservato che “l’epurazione che ha avuto come target Jang Song-thaek sembra sia stata portata avanti su una scala più di quanto potessimo pensare, colpendo  chiunque, dai parenti diretti ai funzionari di basso rango”, considerati vicini all’ex numero due del regime.