Coronavirus: crociere vietate ai passeggeri che abbiano viaggiato in Cina negli ultimi 14 giorni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Febbraio 2020 12:15 | Ultimo aggiornamento: 3 Febbraio 2020 12:15
Coronavirus: crociere vietate ai passeggeri che abbiano viaggiato in Cina negli ultimi 14 giorni

Coronavirus, crociere vietate a chi è stato in Cina da poco (Ansa)

ROMA – La federazione internazionale delle compagnie di crociera (Clia) ha annunciato che non ammetteranno più sulle navi da crociera passeggeri che siano stati di recente in Cina, dove è in corso l’epidemia di coronavirus. “I membri del Clia (Cruise Lines International Association) hanno sospeso le crociere dalla Cina continentale e non ammetteranno a bordo alcuna persona – ospite o membro dell’equipaggio – che abbia viaggiato nella Cina continentale negli ultimi 14 giorni.

Cina: “Su Coronavirus gli Usa creano panico”

La Cina ha accusato alcuni Paesi, specialmente gli Stati Uniti, di diffondere “panico” con le reazioni fuori misura all’epidemia di coronavirus di Wuhan.
Gli Usa, includendo anche il bando imposto all’ingresso dei viaggiatori cinesi, “non hanno provveduto ad alcuna assistenza sostanziale”. Ma hanno “creato panico ininterrottamente”, ha commentato la portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying, in un insolito briefing online.

“Urgente bisogno di materiale medico”

La Cina “necessita urgentemente” di materiale protettivo e di equipaggiamenti medici con l’epidemia del nuovo coronavirus di Wuhan che continua a tenere un passo sostenuto. I 361 morti attuali hanno superato i 349 della Sars del 2003, mentre i contagiati sono più di 17.000. “Quello di cui la Cina necessita urgentemente allo stato sono le maschere mediche, le tute protettive e gli occhiali protettivi”, ha commentato la portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying, in un briefing online con i media. (fonte Ansa)