Coronavirus, comprano gonfiabile al figlio per non farlo annoiare. Il piccolo muore fulminato

di Alessandro Avico
Pubblicato il 15 Aprile 2020 12:46 | Ultimo aggiornamento: 15 Aprile 2020 12:46
Coronavirus, comprano gonfiabile al figlio per non farlo annoiare. Il piccolo muore fulminato

Coronavirus, comprano gonfiabile al figlio per non farlo annoiare. Il piccolo muore fulminato

ROMA – Comprano un castello gonfiabile per far giocare i figli, per non farli annoiare in questa quarantena da coronavirus. Purtroppo però uno dei figli è morto fulminato a soli 11 anni mentre correva, ucciso dal generatore che aziona il gonfiaggio del castello.

Questa la drammatica morte del piccolo Pedre, bambino sudafricano di 11 anni. Come riporta il Daily Mail, i genitori, Paul e Rhodine de Beer temevano che la noia non avrebbe fatto bene ai loro due figli (hanno anche una bambina di 5 anni) quindi hanno deciso di regalargli il gonfiabile.

Pedre stava giocando nella sua casa di Heidelberg nella provincia di Gauteng, in Sudafrica, quando è inciampato nel generatore collegato al castello gonfiabile ed ha iniziato a tremare violentemente proprio di fronte a sua madre. Il corpo del piccolo è stato investito da una scossa elettrica di 240 volt.

I paramedici sono subiti accorsi sul posto, ma nonostante i tentativi di rianimazione siano andati avanti per almeno un’ora, nulla si è potuto fare per salvare la vita di Pedre.

Jaco Billing, portavoce della scuola di Pedre, ha voluto ricordare il piccolo: “Era un bellissimo bambino con gli occhi azzurri e la faccia lentigginosa. Era molto amato dai suoi compagni e dagli insegnanti. Rimarrà sempre nelle nostre preghiere”. (Fonte Daily Mail).