Coronavirus, a Melbourne migliaia di persone in lockdown per un nuovo focolaio

di redazione Blitz
Pubblicato il 4 Luglio 2020 17:26 | Ultimo aggiornamento: 4 Luglio 2020 17:29
A Melbourne migliaia di persone in lockdown per coronavirus

Coronavirus, a Melbourne migliaia di persone in lockdown per un nuovo focolaio (Foto Ansa)

A Melbourne, in Australia, migliaia di persone sono in lockdown in casa dopo lo scoppio di un nuovo focolaio di coronavirus

Coornavirus a Melbourne, migliaia di persone in lockdown 

Migliaia di residenti in alcuni edifici popolari di Melbourne, la seconda città dell’Australia, sono stati messi in isolamento. Il lockdown inizia oggi, sabato 4 luglio, e andrà avanti per almeno cinque giorni, dopo lo scoppio di un nuovo focolaio di coronavirus che le autorità stentano a mettere sotto controllo.

Centinaia di poliziotti sono andati nelle strade del quartiere per imporre il lockdown a nove torri di edilizia popolare. Il Paese ha registrato il più grande aumento giornaliero di casi di coronavirus negli ultimi mesi, con 108 nuovi casi concentrati nello Stato sud-orientale di Victoria.

“Ci sono molte persone vulnerabili che vivono in queste torri”, ha detto ai media il premier di Vittoria, Daniel Andrews, precisando che chi si è trovato fuori casa al momento del lockdown avrà tempo fino a questa sera per farvi ritorno.

Il blocco scattato senza alcun preavviso nella zona nord di Melbourne comporterà un “enorme compito logistico” che include la fornitura di cibo a circa 3.000 residenti e il dispiegamento di almeno 500 agenti di polizia per turno.

Annaliese van Diemen, vicedirettore generale per la salute di Victoria, ha affermato che sono stati rilevati numerosi casi nelle torri, esponendo al rischio di contagio una comunità già altamente vulnerabile per altre patologie in essere.

“La priorità è individuare tutti i casi presenti negli edifici, in modo da prevenire un’esplosione di infezioni”, ha detto van Diemen.

Il coronavirus nello Stato di Victoria

Lo Stato di Victoria aveva già intensificato i test e inasprito alcune restrizioni a seguito di una riacutizzazione dei casi la scorsa settimana.

In altri due quartieri il coprifuoco scatta alla mezzanotte di oggi. A queste due zone si aggiungono quasi 300mila persone sottoposte martedì all’ isolamento forzato.

I residenti di queste aree possono lasciare la propria casa solo per ragioni essenziali, motivi di lavoro e per acquistare cibo.

I blocchi sono stati un “passo difficile ma importante”, ha dichiarato il vice capo responsabile medico Paul Kelly, in vista di una riunione di emergenza delle autorità coinvolte convocata per stasera.

In tutto lo Stato di Vittoria sono stati eseguiti nelle ultime 24 ore oltre 25mila test nel tentativo di arginare i contagi.

L’Australia è riuscita finora a evitare un eccessivo propagarsi del virus e in altre zone ha allentato le restrizioni. Al momento conta un totale di 8.300 casi e poco più di 100 decessi su una popolazione di 25 milioni di persone. (Fonti: Ansa, Afp)