Coronavirus Pechino, dati telefonici e riconoscimento facciale per individuare chi è stato al mercato Xinfadi

di Caterina Galloni
Pubblicato il 20 Giugno 2020 6:41 | Ultimo aggiornamento: 19 Giugno 2020 18:10
Coronavirus Pechino, dati telefonici e riconoscimento facciale per individuare chi è stato al mercato Xinfadi

Coronavirus Pechino, dati telefonici e riconoscimento facciale per individuare chi è stato al mercato Xinfadi (Foto Ansa)

PECHINO – Con la seconda ondata di coronavirus, a Pechino saranno sottoposte al tampone 355.000 persone individuate attraverso i dati di localizzazione dei telefoni cellulari.

Secondo quanto riportato dal Daily Mail, il giornalista Mark Schiefelbein dell’Associated Press, ha rivelato che dopo essersi recato al mercato all’ingrosso di prodotti agricoli Xinfadi, dove ha avuto origine il nuovo focolaio, ha ricevuto una telefonata con l’ordine di sottoporsi al test.

Ha spiegato di essere stato chiamato da un agente. “Mi ha informato che avrei dovuto presentarmi con sollecitudine all’uscita di uno stadio sportivo per essere poi accompagnato in un sito predisposto a eseguire test del coronavirus”.

Al giornalista è stato inoltre detto che “una persona con il mio numero di cellulare era stata nelle vicinanze del mercato. Potrei essere stato rintracciato tramite il mio cellulare”.

Un funzionario comunale pechinese ha riferito che sono state identificate 355.000 persone utilizzando i “big data”, ma non ha specificato come.

Secondo il Times, per contrastare la diffusione del virus, a Pechino hanno reintrodotto le restrizioni per circa 21 milioni di persone.

Sono stati ripristinati i punti di controllo su tutti i complessi residenziali della città. Ai residenti è richiesto di farsi riconoscere dalle telecamere con riconoscimento facciale o mostrare i pass digitali per entrare o uscire dai complessi.

In seguito alla diffusione dell’epidemia in altre 4 province cinesi, i residenti sono stati invitati a non spostarsi dalla capitale.

Gli aeroporti di Pechino hanno cancellato migliaia di voli e nella città il livello allerta Covid è salito da III a II. Il secondo più alto del sistema a quattro livelli. (Fonte: Daily Mail).