Coronavirus rallenta il riciclaggio, a Los Angeles i cinesi fanno così

di Giampaolo Scacchi
Pubblicato il 1 Maggio 2020 6:30 | Ultimo aggiornamento: 30 Aprile 2020 19:18
Coronavirus rallenta il riciclaggio, a Los Angeles i cinesi fanno così

Coronavirus rallenta il riciclaggio, a Los Angeles i cinesi fanno così (Foto archivio Ansa)

ROMA  –  A Los Angeles la pandemia di coronavirus sta rallentando il riciclaggio di denaro e creando un cumulo di arretrati di proventi della droga, informa Giampaolo Scacchi.

Secondo il più alto ufficiale della DEA, la pandemia ha “azzoppato” i sistemi di riciclaggio di denaro sporco che i gruppi di trafficanti di droga usano per rimpatriare i profitti e spostare il capitale cinese nella California meridionale.

L’allarme è stato lanciato dalla Drug Enforcement Administration USA, come rivela Matthew Ormseth sul Los Angeles Times.

A Los Angeles si stanno accumulando i soldi sporchi e scrive Ormseth: “Nelle ultime tre settimane, gli agenti federali hanno effettuato tre sequestri per oltre 1 milione di dollari di sospetti proventi di droga”.

Con i negozi chiusi, le catene di forniture nel caos e l’economia mondiale in pericolo, questi schemi complessi sono ostacolati e il denaro sosta a Los Angeles.

Lo ha detto in un’intervista Bill Bodner, agente speciale responsabile della divisione di campo di Los Angeles della DEA.

Le recenti intercettazioni riguardanti i tre sequestri da un milione di dollari ricordano quelli eseguiti dalla DEA prima che i trafficanti di droga si lanciassero nel riciclaggio di denaro basato sul commercio, ha affermato Bodner, un agente.

La chiusura delle attività non essenziali ha avuto un “enorme impatto” su un sistema di riciclaggio di denaro definito il cambio di pesos al mercato nero, ha affermato.

Nel quartiere della moda, nel centro di Los Angeles – l’epicentro dello scambio – i gruppi di trafficanti di droga di tutto il paese usano i grossisti per trasferire i profitti in Messico, secondo i casi depositati nei tribunali federali di Los Angeles e non solo.

Steven Mygrant, procuratore federale dell’Oregon che ha accusato sei persone di riciclaggio di proventi di eroina attraverso le attività commerciali di Los Angeles, ha affermato che a guidare lo scambio sono due fattori principali.

Il primo: gruppi di trafficanti di droga che devono convertire i dollari in pesos, costoso da fare legalmente.

Il secondo: devono spostare denaro dagli Stati Uniti al Messico, rischioso da trasportare in contanti.

Per questo, ha detto Mygrant, un broker paga pesos per i dollari dei trafficanti di droga.

I trafficanti consegnano contanti a un esportatore di Los Angeles, che spedisce merci – in genere abbigliamento, cosmetici, gioielli o abbigliamento sportivo – a un rivenditore in Messico.

Il rivenditore vende la merce in pesos e paga il broker.

I cartelli messicani, realizzati dai trafficanti colombiani di cocaina, inizialmente non si erano avventurati nello cambio di pesos al mercato nero.

Ritenevano fosse più facile contrabbandare denaro contante attraverso il confine e riciclarlo in Messico.

La situazione è cambiata circa 10 anni fa, quando il governo messicano ha inasprito i regolamenti finanziari e limitato il flusso di dollari nelle banche del Paese.

Di recente, con i negozi chiusi e gli agenti che sequestrano milioni in contanti pronti per il trasporto, sembra che i gruppi di trafficanti di droga per rimpatriare i profitti stiano ricorrendo a metodi più vecchi e più rischiosi, ha affermato Bodner.

Il coronavirus ha inoltre calmato la fuga di capitali cinese, che prima della pandemia era il principale motore del riciclaggio di denaro internazionale.

Il governo cinese ha ridotto la quantità di denaro che i cittadini possono trasferire all’estero, per cui i trafficanti di droga e gli intermediari hanno istituito il seguente sistema.

Spiega Bodner: un cittadino cinese che vuole convertire yuan in dollari e nasconderli negli Stati Uniti contatta un broker.

Il broker dice alla persona di pagare una fabbrica che produce sostanze chimiche utilizzate per produrre metanfetamina o fentanil.

La fabbrica spedisce i precursori di droghe in Messico, dove vengono convertite in stupefacenti, introdotti clandestinamente negli Stati Uniti e venduti in dollari.

Il broker dirige il gruppo del traffico di stupefacenti per consegnare contanti a un parente o un complice del cittadino cinese il cui denaro ha avviato l’intero schema.

Il denaro è ora negli Stati Uniti e in dollari, senza mai entrare nel sistema finanziario globale.

“Più sono i soldi che escono dalla Cina, più sostanze chimiche vanno in Messico e più droghe sintetiche finiscono a Los Angeles”, ha detto Bodner.

Ma la pandemia ha rallentato significativamente il ciclo, ha spiegato Bodner.

La maggior parte dei precursori di narcotici della Cina sono fabbricati a Wuhan, epicentro dell’epidemia di coronavirus, e le fabbriche sono chiuse o operano a capacità ridotta.

“Quando le sostanze chimiche non provengono dalla Cina, non vi è alcun mutamento nel sistema di riciclaggio di denaro”, ha detto Bodner.

Inoltre, con i mercati mondiali in crisi, molti dei cittadini cinesi che stavano spostando denaro attraverso il sistema, ora sono riluttanti a stanziare fondi all’estero.

A Los Angeles, i rallentamenti nei sistemi di riciclaggio di denaro sono presenti in un momento in cui nella città aumentano i prezzi dei farmaci.

Così, riferisce Giampaolo Scacchi, con le catene di forniture allo sbando, ha detto Bodner, il prezzo all’ingrosso della metanfetamina è salito a 1.800 dollari a libbra rispetto ai 900 di cinque mesi fa.