Coronavirus è arrivato all’uomo dai serpenti contagiati dai pipistrelli

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Gennaio 2020 11:20 | Ultimo aggiornamento: 23 Gennaio 2020 11:21
Coronavirus è arrivato all'uomo dai serpenti contagiati dai pipistrelli

Coronavirus, cinesi con la mascherina: il contagio partito dai serpenti, trasmesso dai pipistrelli (Ansa)

ROMA – Il virus cinese 2019-nCoV (coronavirus) è arrivato all’uomo dai serpenti. Sarebbero questi gli animali nei quali il virus, trasmesso dai pipistrelli, si sarebbe ricombinato e poi passato all’uomo.

Lo indica l’analisi genetica pubblicata sul Journal of Medical Virology da Wei Ji, Wei Wang, Xiaofang Zhao, Junjie Zai, e Xingguang Li, delle università di Pechino e Guangxi. La ricerca è stata condotta su campioni del virus provenienti da diverse località della Cina e da diverse specie ospiti.

I mercati cinesi con gli animali selvatici vivi

Come già successo con i virus dell’influenza aviaria e con la Sars, anche questa volta le indagini epidemiologiche si sono concentrate sui mercati di animali vivi molto comuni in Cina. Insieme agli animali allevati nelle fattorie e ai pesci si vendono infatti anche animali selvatici, come serpenti e pipistrelli.

Coronavirus: vittime salite a 25, i contagi a 616

Intanto le vittime del coronavirus in Cina sono salite a 25 mentre i casi di contagio sono 616. Lo riporta Sky News citando le autorità locali.

L’Oms ha riconosciuto che le misure adottate dalla Cina “minimizzano” il rischio di propagazione internazionale del contagio del nuovo coronavirus. Il direttore dell’agenzia Onu, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha ribadito che l’Oms attenderà domani prima di decidere se dichiarare l’emergenza internazionale. (fonte Ansa)