Coronavirus, boom contagi Usa. Torna lockdown a Leicester. 10 quartieri Melbourne isolati

di redazione Blitz
Pubblicato il 30 Giugno 2020 12:38 | Ultimo aggiornamento: 30 Giugno 2020 12:42
Coronavirus, boom contagi Usa. Torna lockdown Leicester. 10 quartieri Melbourne isolati

Coronavirus, boom contagi Usa. Torna lockdown a Leicester. 10 quartieri Melbourne isolati (Foto Ansa)

Boom di contagi in Usa. In Australia, isolati 10 quartieri di Melbourne. La Gran Bretagna chiude la città di Leicester. Il coronavirus non arretra nel mondo e con lui torna l’incubo lockdown in diversi angoli del pianeta.

A cominciare dagli Stati Uniti, dove l’impennata di contagi che ha colpito gli Stati del Sud ha convinto i governatori a fare dietro front sulle riaperture di bar e ristoranti.

Dopo il Texas e la California, anche l’Arizona torna a chiudere bar, birrerie, enoteche, palestre e cinema per 30 giorni.

Il Nevada ha congelato alla Fase due il processo di ripresa dell’attività dopo il lockdown mentre in vista del weekend dell’Indipendence Day, il prossimo quattro luglio, resteranno chiuse le spiagge a Miami e Los Angeles. San Diego, oltre alle spiagge, richiude bar e ristoranti.

“Se potessi tornare indietro e cambiare qualcosa, probabilmente rallenterei la riapertura dei bar, vedendo la velocità con la quale il coronavirus si sta diffondendo”, ha detto il governatore del Texas Greg Abbott.

Coronavirus Usa, oltre 100 casi legati ad uno stesso bar

Nel Michigan, la folla in un bar di East Lansing ha portato il contagio di almeno 85 persone in un colpo solo. Altri 130 casi sono stati collegati a quattro bar del Minnesota.

Anche il governatore di New York, Andrew Cuomo, ha detto di valutare uno slittamento per la riapertura dei ristoranti così come il governatore del New Jersey, Phil Murphy, sebbene in questi due Stati americani i contagi siano in declino.

In Georgia lo stato di emergenza e le restrizioni sono stati prorogati fino al prossimo 11 agosto.

Coronavirus Gb, chiusi negozi e scuole a Leicester

Mentre il premier Boris Johnson si appresta a riaprire pub, ristoranti e alberghi, allentando ulteriormente le residue misure restrittive nel Regno Unito, a Leicester, teatro di un focolaio di contagi da Covid-19 in controtendenza rispetto al calo generale, torna il lockdown.

Da oggi in città sono di nuovo chiusi i negozi non essenziali, mentre sono vietati i viaggi non indispensabili in arrivo e partenza. Da giovedì saranno chiuse inoltre quelle scuole parzialmente aperte a inizio giugno, mentre la ripresa locale delle attività di pub, ristoranti e hotel, prevista nel resto dell’Inghilterra dal 4 luglio, è stata rimandata di almeno ulteriori due settimane.

Il blocco è stato imposto dal governo nazionale – in forza della legislazione d’emergenza approvata per la pandemia – al sindaco laburista, Peter Soulsby: allineatosi solo ieri sera dopo un ultimo colloquio col ministro della Sanità, Matt Hancock

Hancock ha spiegato che vi è un’insolita “alta incidenza” di casi di coronavirus tra i bambini a Leicester. “Abbiamo inviato molti ulteriori test a Leicester negli ultimi dieci giorni e una delle cose che abbiamo scoperto è che ci sono minori di 18 anni che sono risultati positivi e quindi, dato che i bambini possono trasmettere la malattia anche se è altamente improbabile che loro si ammalino, pensiamo che la cosa più sicura da fare sia chiudere le scuole”, ha detto il ministro a Bbc Radio 4.

Coronavirus Australia, in lockdown 10 quartieri di Melbourne

Lo stato australiano di Victoria ha reintrodotto il lockdown in 10 quartieri alla periferia di Melbourne dopo un aumento improvviso di casi di coronavirus. Lo riporta la Cnn.

Le misure resteranno in vigore fino al 29 luglio, ha annunciato il premier Daniel Andrews. Nelle 10 zone colpite si potrà uscire solo per “fare la spesa, occuparsi di persone che hanno bisogno, far sport, lavorare o studiare se non lo si può fare da casa”.

Saranno limitati gli accessi a palestre, piscine e biblioteche, mentre caffè e ristoranti torneranno al solo servizio di take-away e delivery. S

ono 64 i casi di Covid-19 registrati nelle ultime ore nello stato di Victoria, un incremento per il 14esimo giorno consecutivo. (Fonti: Ansa, Agi).