Dipendenti chiusi nelle bare dai loro…datori di lavoro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 Dicembre 2015 5:15 | Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre 2015 19:45
Dipendenti chiusi nelle bare dai loro...datori di lavoro

Dipendenti chiusi nelle bare dai loro…datori di lavoro

SEUL – In Corea del Sud i datori di lavoro chiudono i dipendenti nelle bare. In un Paese dove il numero dei suicidi è da qualche tempo in costante aumento, le aziende provano a insegnare che “vivere è bello”. Non si tratta quindi di una strana forma di masochismo, ma piuttosto una terapia inusuale, pensata per evitare che i dipendenti si tolgano la vita.

È per questo che sempre più aziende, in Corea del Sud, stanno adottando questo tipo di approccio piuttosto radicale, facendo “provare” ai lavoratori le bare.

Luca Romano per Il Giornale spiega:

“Vivere è bello”, è questo il sottotesto di una pratica che tutto sembra tranne che ortodossa. I dipendenti delle società in Corea, dove il numero dei suicidi continua ad aumentare di anno in anno, vengono fatti sdraiare all’interno delle bare e vengono fatti assistere al proprio funerale, magari costretti anche a celebrarlo, pronunciando il nome (il proprio) del defunto.

Una soluzione, si spera, ai problemi con il numero di suicidi di un Paese che va di corsa. Forse a volte troppo. E dove i casi di depressione colpiscono sempre di più.