“Donne meno produttive. La colpa? Di mestruazioni e figli” e il manager viene licenziato

Pubblicato il 7 Luglio 2011 14:23 | Ultimo aggiornamento: 7 Luglio 2011 14:23

donneNUOVA ZELANDA – “Le donne sono meno produttive”, la sparata ha origini neozelandesi, è di Alasdair Thompson, che di mestiere fa il CEO della Employers’ and Manufacturers’ Association (EMA).

Ai microfoni di una radio il 23 giugno scorso ha dato il suo verdetto, ma senza nessuna statistica alla mano.

Dall’alto della sua esperienza ha detto: “Chi si ammala di più in assoluto? Le donne, non c’è dubbio. Almeno una volta al mese. Poi ci sono i figli da accudire, quindi si prendono qualche ora di permesso per tornare a casa prima. Ne va della loro produttività, mica è colpa loro”.

Il punto è che alla fine è stato pure licenziato e nel cercare di difendersi si è guardato bene dal chiedere scusa. Anzi, ha rimarcato: “Mi dispiace, le frasi possono suonare sessiste, ma così è la vita”.

Alla fine, dopo 12 anni di onorata carriera, Thompson se l’è rovinata per una brutta scivolata.