Editore Nyt smentisce che Abramson guadagnasse meno di predecessori

Pubblicato il 16 Maggio 2014 19:37 | Ultimo aggiornamento: 16 Maggio 2014 19:37
Arthur Sulzbegerer

Arthur Sulzbegerer

USA, NEW YORK – “Disinformazione” e “semplicemente non vero”: l’editore del New York Times Arthur Sulzberger Jr. ha contestato la versione riportata dai media americani secondo cui Jill Abramson, che giovedi ha perso il posto di direttore della Old Gray Lady, era pagata significativamente meno dei suoi predecessori maschi.

“Non e’ vero che lo stipendio di Jill era significativamente inferiore agli altri. Era una paga paragonabile. Nel 2013, l’ultimo anno intero in quel ruolo, il suo compenso totale e’ stato del 10 per cento superiore a quello di Bill Keller che l’aveva preceduta nel 2010”, ha detto Sulzberger.

La Abramson e’ stata dal 2011 a giovedi la prima donna al timone del New York Times. Sulzberger ha definito “disinformazione” le notizie sulla disparità di trattamento emerse sul New Yorker secondo cui, tra l’altro, la Abramson avrebbe contattato avvocati per far valere i suoi diritti nei confronti della proprietà.

Sulzberger ha dato la sua versione dei fatti in una e-mail alla redazione: “Il trattamento economico, o discussioni sul trattamento economico, non sono entrati affatto nella mia decisione di licenziare Jill. La ragione vera erano le mie preoccupazioni su come dirigeva la nostra redazione. Gliele avevo fatte presente in passato, sia faccia a faccia, che nella mia valutazione annuale”.